Martedì, 18 Febbraio 2020
stampa
Dimensione testo

Archivio

Home Archivio Regionali, tagli e riforma delle pensioni I sindacati minacciano un altro sciopero
FINANZIARIA

Regionali, tagli e riforma delle pensioni
I sindacati minacciano un altro sciopero

di
Ultimatum degli autonomi a Crocetta: «Rivedere la riforma e non tagliare i diritti acquisiti o torniamo in piazza»

PALERMO. I sindacati dei regionali sono pronti a un nuovo sciopero contro i tagli mentre Crocetta torna ad attaccare il governo Renzi per il mancato aiuto. È stata un’altra giornata di caos intorno alla Finanziaria. A rompere di nuovo gli indugi contro Crocetta sono stati i sindacati autonomi. Gli stessi che avevano sospeso la protesta in attesa di un tavolo di confronto aperto all’Aran (l’agenzia per la contrattazione nel pubblico impiego) in cui dovevano essere riscritte le norme che prevedono mobilità obbligatoria entro 50 km, riduzione di 600 postazioni dirigenziali, tagli di premi e straordinari, riforma delle pensioni e abbattimento di permessi retribuiti. Ma il tavolo, ieri alla sua seconda convocazione, non ha prodotto i risultati sperati. E il tempo sta per scadere: il 10 aprile, in mancanza di un accordo, l’assessore all’Economia Alessandro Baccei ridarà validità alle norme originali (peraltro mai cancellate dalla manovra). E così i Cobas e il Sadirs, le sigle autonome più rappresentative, sono tornare sul fronte della protesta dando un ultimatum al governo.

Leggi la versione integrale e le altre notizie in edicola o sul giornale digitale CLICCA QUI

© Riproduzione riservata

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X