Mercoledì, 24 Febbraio 2021
stampa
Dimensione testo

Archivio

Home Archivio Copenaghen, spari contro autore di vignette su Maometto: un morto e tre feriti
PAURA IN DANIMARCA

Copenaghen, spari contro autore di vignette su Maometto: un morto e tre feriti

COPENAGHEN. Un civile morto e almeno tre feriti, tra cui un agente in borghese, in una sparatoria avvenuta oggi in un coffe-bar a Copenaghen durante un incontro pubblico sulla libertà di espressione, al quale partecipava Lars Vilks, artista autore di numerose caricature del profeta Maometto nel 2007. Lo riferisce il canale TV2. Secondo il servizio di
sicurezza nazionale danese si tratta di attacco terroristico.

Il convengo si intitolava "Arte, blasfemia e libertà di espressione". Secondo il canale TV2, in una finestra del Krudttoenden cafe ci sono almeno una trentina di fori di proiettile. Helle Meret Brix, organizzatore dell'evento ha precisato che Vilks non è stato colpito.

L'artista svedese da quando si trova in Danimarca vive sotto scorta. Il coffé-bar a Copenhagen è noto per organizzare concerti jazz. Niels Ivar Larsen, uno degli artisti presenti al convegno ha confermato di avere visto due feriti.

Era stato già aggredito e minacciato più volte il disegnatore svedese Lars Vilks, 68 anni, rimasto illeso oggi in un sanguinoso attacco contro un convegno a Copenaghen su Islam e satira. Il suo nome divenne noto nell'agosto del 2007 quando disegnò in una vignetta Maometto con un corpo di cane, simbolo oltraggioso nel mondo musulmano.    Subito dopo la pubblicazione della caricatura sulla stampa svedese e poi danese, Vilks ricevette minacce di morte e al Qaida offrì addirittura una ricompensa di 100mila dollari a chi lo avesse 'fatto fuori': annunciando la taglia, il leader di una frazione irachena dell'organizzazione, Abu Omar al-Baghdadi, promise inoltre un macabro 'bonus' del 50% in più se il disegnatore "fosse stato sgozzato come un agnello", mentre un'altra taglia da 50.000 dollari veniva offerta per la testa di Ulf Johansson, direttore di Nerikes Allehanda, il giornale locale svedese che pubblicò per primo la vignetta.    Nei mesi successivi manifestazioni di protesta vennero organizzate da musulmani in Svezia, mentre Egitto, Iran e Pakistan protestarono attraverso i canali diplomatici e nuove minacce di morte furono rivolte a Vilks come a Johansson.

Nel marzo 2010 sette persone di religione islamica, quattro uomini e tre donne, furono quindi arrestate in Irlanda per un presunto complotto per assassinare il disegnatore. In quella occasione Vilks affermò: "Non si può dire che io stia tremando di paura. Mi sono preparato in diversi modi e ho un'ascia a casa nel caso qualcuno tenti di entrare dalla finestra". E confermò poi alla stampa di aver ricevuto un avvertimento dai servizi segreti svedesi (Sapo) su presunte minacce provenienti anche dalla Somalia, dai sanguinari jihadisti di al Shabaab. L'11 maggio 2010 il vignettista fu poi aggredito mentre teneva una conferenza sulla libertà di espressione all'Università di Uppsala, quando aveva cominciato a mostrare un video su omosessualità e religione. E pochi giorni dopo venne attaccata la sua casa a Nynashamnsvage, Svezia meridionale, con bottiglie incendiarie. Non era finita: a gennaio di quest'anno la giustizia americana ha condannato a 10 anni di carcere Colleen LaRose, americana convertita nota col nome di battaglia di 'Jihad Jane', per aver a sua volta complottato per uccidere Vilks. E oggi, a Copenaghen, qualcuno ci ha riprovato.

© Riproduzione riservata

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X