Giovedì, 14 Novembre 2019
stampa
Dimensione testo

Servizi ospedalieri al Sant’Elia: «Il Cup ne migliora la qualità»

Il presidente del Movimento cittadino, Porsio: «La collaborazione ha dato i suoi frutti»

CALTANISSETTA. Il Movimento Difesa del Cittadino, coordinato dal presidente Salvatore Porsio, fa il punto sui servizi dell’ospedale Sant’Elia. Dal Centro Unico per le Prenotazioni (Cup), al ripristino dell’elettromiografo, grande intesa è stata raggiunta tra l’associazione che si occupa dei diritti dei cittadini e il direttore del presidio ospedaliero Raffaele Elia. Positivo il riscontro sul nuovo Cup, sia per ciò che attiene le condizioni strutturali che l’accoglienza. «Una sala più grande, accogliente, con più posti a sedere – dichiara Salvatore Porsio – e otto sportelli che consentono di effettuare le varie operazioni. Ciò nonostante sembrerebbe, come riferito dalla stessa responsabile del Cup, che i servizi di prenotazione tramite fax (0934559382) e email ( cup.posantelia@asp.cl.it) positivamente attivati nel tentativo di evitare ai cittadini, soprattutto i fuori sede, di recarsi fisicamente al Cup, non hanno avuto i risultati sperati e previsti in quanto ancora poco usati dalla cittadinanza. Eppure tali servizi consentirebbero quasi sicuramente un significativo e importante snellimento del notevole numero di presenze al Cup con ovvi minori tempi di attesa e risparmio del carburante necessario per raggiungere lo stesso. Noi del movimento invitiamo i cittadini che hanno maggiore dimestichezza con la tecnologia all’utilizzo dei nuovi servizi. A tal proposito abbiamo chiesto al direttore Raffaele Elia la disponibilità gratuita per effettuare uno sportello di front-office in ospedale per spiegare le nuove procedure ai cittadini per un periodo di 10 giorni circa. Inoltre si sta valutando, con la direzione medica del presidio, la possibilità di poter fare eseguire il prelievo di sangue ai pazienti prima del pagamento del relativo ticket, ciò nel tentativo di ridurre i tempi di attesa per i cittadini digiuni». Altra storia quella relativa all’elettromiografo, macchinario costato all’azienda diverse migliaia di euro fermo da alcuni mesi. «Abbiamo avuto rassicurazioni – continua Porsio – dal direttore Raffaele Elia sulla prossima riattivazione dell’elettromiografia che consentirà di effettuare nuovamente l’esame a Caltanissetta evitando, in tal modo, a molti cittadini di doversi recare in altri ospedalieri fuori sede e con aggravio di costi».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X