Martedì, 25 Gennaio 2022
stampa
Dimensione testo

Archivio

Home Archivio Ospedali nisseni, battaglia Nursind contro lo «scippo» dei 40 posti letto

Ospedali nisseni, battaglia Nursind contro lo «scippo» dei 40 posti letto

Barba chiede alla Borsellino il mantenimento delle promesse per i presidi di Mussomeli, Niscemi e Mazzarino
Sicilia, Archivio

MUSSOMELI. Dopo le promesse il silenzio. Dopo la luce generata da un passo indietro ecco di nuovo il buio dell'incertezza, della paura di avere subìto un vero e proprio furto. Il Nursind torna nuovamente a battagliare contro quello che è stato definito lo "scippo" dei posti letto perpetrato nei confronti di tre ospedali nisseni: quello di Mussomeli, di Niscemi e di Mazzarino. Nuovo dissenso che arriva a trenta giorni dall'incontro tenutosi con l'assessore regionale Lucia Borsellino, in quell'occasione piuttosto generosa di rassicurazioni. "Esattamente un mese fa- scrive in una nota il segretario provinciale del Nursind Osvaldo Barba- abbiamo richiesto la ratifica di quell'oramai famoso decreto del 23 ottobre 2012 sull'assegnazione dei posti letto di riabilitazione all'Asp di Enna, in modo ufficiale e con tutti i mezzi a nostra disposizione, nella speranza che la nostra richiesta venisse accolta nell'esclusivo interesse di chi ha il compito di provvedere alla riorganizzazione della rete ospedaliera. Ma alla nostra richiesta- riflette mestamente il sindacalista- non è susseguito nessun riscontro". Motivi validi quanto basta per rispolverare quel sentimento di lotta a difesa dei presidi ospedalieri nisseni. Barba infatti ha voluto nuovamente inviare una missiva all'assessore Borsellino, "per richiederle- recita il contenuto della lettera- di pubblicare in Gazzetta Ufficiale della Regione Sicilia il decreto, al fine di evitare la stasi in cui ci si viene a trovare allo stato attuale. Non sono qui per creare polemica o speculazione di nessun genere. La mia richiesta è chiara e perentoria: restituire all'Asp 2 ciò che a mio parere è stato ingiustamente tolto. E' inutile ricordarle che il futuro di presidi come Mazzarino, Niscemi ed anche Mussomeli, sono legati a questo decreto. Senza di esso, tutto rimane fermo e le chiacchiere ed i proclami vari rimangono quello che in realtà sono: parole al vento". Barba si mostra categorico: la Borsellino dovrà rendere ufficiale, attraverso la pubblicazione del decreto sulla Gazzetta, la restituzione dei 40 posti letto all'Asp di Caltanissetta "al fine di permettere, a chi di competenza, di ottemperare al completamento dei processi di rifunzionalizzazione dei piccoli presidi incentrati appunto, sulla riconversione dei posti per acuti in posti di lungodegenza e riabilitazione".  

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X