Mercoledì, 27 Gennaio 2021
stampa
Dimensione testo

Archivio

Home Archivio Riesi, critiche sul centro polivalente È scontro politico sulla gestione

Riesi, critiche sul centro polivalente È scontro politico sulla gestione

L’operato del sindaco contestato in aula.«Buttigè non ha adottato criteri trasparenti»
Sicilia, Archivio

RIESI. Il Consiglio disapprova la gestione del nuovo centro polivalente da parte del sindaco Salvatore Buttigè. Il modo di operare dell’amministratore è stato contestato, giovedì sera in aula. Per tanti consiglieri il sindaco non si è avvalso di un regolamento e non ha adottato criteri trasparenti per assegnare i locali della struttura alle associazioni. L’opposizione ha criticato altresì la repentina inaugurazione del centro e le prospettate spese per illuminazione, acqua e telefoni a carico del Comune. Alcuni locali sono stati concessi al centro per diversamente abili «Riccardo» gestito dall’associazione «Nuova Presenza» ed altri destinati al centro diurno per anziani ed agli uffici della Soat. «Innanzitutto si dovevano stabilire delle regole e criteri trasparenti– afferma Raffaele Capostagno di Riesi Viva - e successivamente assegnare i locali alle associazioni. Invito il sindaco a fare un regolamento per gestire le strutture pubbliche». Sulla stessa lunghezza d’onda il consigliere Elio Angilella. «Occorrevano regolamento, pareri di organi preposti e bando di partecipazione aperto a tutte le associazioni – dice Angilella -. Le spese per pulizia, luce e telefoni sono a carico delle associazioni e non del Comune. Non si è capita la fretta di aprire il centro senza preventive regole. Non voglio pensare che sia stata una strategia politica per avviare la campagna elettorale». Immediata la replica del sindaco. «Non mi aspettavo una tale presa di posizione del Consiglio – dice Buttigè -. In occasione dell’approvazione del cambio di destinazione d’uso dell’ex scuola Carducci in aula non c’è stato nessun intervento. Ho ricevuto la richiesta della Soat locale che rischiava di essere trasferita a Gela e l’istanza delle famiglie dei disabili che frequentano il centro diurno. La legge mi consente la prerogativa di rendere fruibili le strutture pubbliche. Ritengo che Soat e centro per disabili hanno una valenza sociale ed economica rilevante per la comunità».

 

 

 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X