Mercoledì, 26 Settembre 2018
REGIONE

Finanziaria regionale, primi intoppi all'Ars: l'ok dovrà arrivare entro il 30 aprile

PALERMO. Manca il testo della manovra con le tabelle perché gli uffici non hanno fatto in tempo ad assembleare tutti i documenti così il presidente dell'Ars, Gianfranco Miccichè, ha aperto la seduta, a mezzogiorno in punto, e l'ha rinviata alle 20.

"Gli uffici - dice Miccichè - ci hanno assicurato che la manovra sarà consegnata alle 18. Se arriva alle 20 la incardiniamo, altrimenti se ne parlerà domani ma spero non accada perché i tempi sono stretti".

Il rinvio della seduta dell'Ars alle 20 fa saltare il timing definito dalla conferenza dei capigruppo la scorsa settimana. Se la manovra sarà incardinata questa sera, i deputati avranno 24 ore di tempo, come prevede il regolamento, per presentare gli emendamenti; quindi, l'esame della manovra in aula potrebbe cominciare giovedì prossimo, con un ritardo di un giorno, a meno che l'Assemblea non deciderà di lavorare il 25 aprile, a differenza di quanto era stato stabilito in capigruppo. Insomma, i tempi sono davvero strettissimi. L'esercizio provvisorio scade il 30 aprile.

Il presidente della commissione Bilancio dell'Ars, Riccardo Savona non crede ci possano essere problemi di copertura della manovra. "Comunque - spiega - ho fatto inserire una norma che riequilibra i conti se ci dovesse essere qualche disallineamento". Sui tempi per l'esame in aula dei documenti, Savona aggiunge: "Non ci sono ancora le carte, aspettiamo che gli uffici le assemblino".

Il presidente esclude l'ipotesi che l'aula possa riunirsi il 25 aprile: "Stasera incardiniamo la manovra, si darà il termine per gli emendamenti, quindi l'esame comincerà giovedì 26 aprile".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X