crescita pil, dati istat, industria, Matteo Renzi, Sicilia, Economia
Foto archivio
I DATI ISTAT

Il Pil rimbalza nel terzo trimestre, da zero a + 0,3%

ROMA. Rimbalzo della crescita economica italiana nel terzo trimestre 2016. Il Pil, corretto per gli effetti di calendario e destagionalizzato, è aumentato dello 0,3% rispetto al trimestre precedente e dello 0,9% nei confronti del terzo trimestre del 2015. Lo rende noto l'Istat in base alle stime preliminari.

«Con le riforme sale il Pil, senza riforme sale lo spread. Avanti tutta, l'Italia ha diritto al futuro #passodopopasso». E' il commento del premier Matteo Renzi su Twitter.

 

Nel secondo trimestre dell'anno la crescita era stata pari a zero. Migliora il dato sul Pil acquisito per quest'anno. La crescita che si registrerebbe se negli ultimi tre mesi del 2016 la variazione congiunturale del prodotto interno lordo fosse nulla è di +0,8%. La stima precedente, quella basata solo sui dati dei primi due trimestri, era di +0,6%. Le stime del governo sul 2016 indicano una crescita (grezza) dello 0,8%.

La crescita congiunturale del Pil nel terzo trimestre è la sintesi di un aumento del valore aggiunto nei comparti dell'industria e dei servizi e di una diminuzione nell'agricoltura. Lo specifica l'Istat in base alle stime preliminari. Dal lato della domanda, vi è un contributo ampiamente positivo della componente nazionale (al lordo delle scorte), in parte compensato da un apporto negativo della componente estera netta.

Bankitalia rende noto intanto che il debito pubblico italiano a settembre si è attestato a 2.212,6 miliardi, in diminuzione di 12,1 miliardi rispetto al mese precedente. Le entrate tributarie contabilizzate nel bilancio dello Stato sono state pari a 32 miliardi, in rialzo rispetto ai 30,2 miliardi dello stesso mese del 2015.

Nei primi nove mesi del 2016 le entrate sono state pari a 302 miliardi, in crescita del 4,6% (13,2 miliardi) rispetto al corrispondente periodo del 2015. Bankitalia sottolinea che tale dinamica è stata in parte sospinta da alcune disomogeneità contabili e temporali (riguardanti principalmente l'IVA, le ritenute Irpef, il canone Rai e l'imposta di bollo virtuale).

© Riproduzione riservata

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati