70 chilometri orari, Palermo, viale regione siciliana, Sicilia, Cronaca
L'ORDINANZA

Dietrofront del Comune di Palermo, in viale Regione Sicilia torna il limite di 70 orari

di

PALERMO. Le proteste stanno per placarsi, o quasi: entro il weekend in viale Regione Siciliana tornerà il limite dei 70 chilometri orari. Il Comune ci ripensa e fa dietrofront. Il tutto, con un'ordinanza che dovrebbe attuarsi in questi ultimi giorni della settimana. La conferma arriva - oltre che da Palazzo delle Aquile - anche dai vertici della Rap. Tutte le aree  in cui la ex municipalizzata sta intervenendo per rimuovere le pericolose radici verranno circoscritte e delimitate rendendole - chiaramente - non percorribili, ma permettendo quindi il normale flusso di auto ai vecchi 70 orari.

Il limite dei 50 si era trasformato nel nemico più temuto dai palermitani. Proteste, polemiche, rabbia e indignazione correvano su tutti i social network, considerando anche il numero sicuramente non esiguo di multe: 2000 sanzioni (tra cui 1872 eccessi di velocità rilevati dagli autovelox fissi e 296 da postazione mobile), e 150 patenti ritirate. Se da un lato le proteste si placheranno per il ritorno del vecchio limite, sui social network cominciano già a spuntare i primi commenti negativi: "Chi è stato multato non dovrebbe pagare nulla", e ancora "Il Comune dovrebbe annullare tutte le multe", "Ormai hanno incassato".

Tirando le somme, il provvedimento non è durato neanche tre settimane: l'amministrazione, lo ricorderanno bene gli automobilisti, ha piazzato i tanto temuti cartelli dalla rotonda di via Oreto fino a viale Lazio dal 17 agosto scorso. Una mossa volta esclusivamente - a detta degli uffici comunali - a preservare l'incolumità dei cittadini, considerando che le grosse radici degli alberi hanno alzato il manto stradale rendendolo pericoloso. Ma anche una "necessità" dovuta a una sentenza che ha costretto il Comune a risarcire con 600mila euro la famiglia di un motociclista deceduto dopo aver perso il controllo del mezzo a causa dell'asfalto dissestato dalle radici.

A crederci sono ben pochi. E' ormai diffusa l'idea per cui il Comune abbia preso queste misure solo "per fare cassa" e "riempire i buchi nel bilancio dell'Amat".

Intanto, ieri sono cominciati i primi lavori in via Oreto: la Rap è intervenuta con circa 35 operatori che hanno transennato le prime aree di cantiere e azionato le macchine. Nelle prossime due settimane, la ex municipalizzata lavorerà su quelle parti del lungo asse viario "distrutte" dalle radici (circa 8mila metri quadri), poi verrà rialzato il limite a 70 orari (entro questo fine settimana) e, infine, verrà riasfaltato tutto il manto stradale.

 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati