Nuove scosse nel Centro Italia, ancora crolli ad Amatrice: in un video il paese visto dall'alto

ROMA. Una nuova forte scossa di terremoto di magnitudo 4,3. alle 14.36 è stata avvertita del cratere del terremoto di ieri nel Lazio e nelle Marche. Ad Amatrice ha provocato alcuni crolli in edifici già danneggiati. Diverse ambulanze si sono dirette verso la zona rossa. Il bilancio ancora provvisorio, è di 250 morti.

Intanto è stato evacuato anche il palazzetto dello sport che era adibito come casa di fortuna momentanea. Altri tre corpi sono stati estratti dalle macerie dell'istituto delle suore. Devastazioni estese a Accumoli e Pescara del Tronto. Grande lavoro dei 5400 soccorritori.

Tra le macerie dell'Hotel Roma si vedono materialmente quattro cadaveri che attendono di essere recuperati, e sono stati ritrovati i documenti di due giovani ospiti dell'albergo, che presumibilmente sono sotto le rovine. Lo ha confermato il funzionario dei vigili del fuoco Carlo Cardinali, che chiude così definitivamente la querelle sulla conta dei morti all'interno dello storico albergo. Cardinali ha confermato che almeno 20 ospiti sono riusciti a fuggire prima del crollo definitivo.

Intanto è salito a oltre 600 il numero delle repliche del terremoto nel reatino. Dalla prima scossa di magnitudo 6.0 avvenuta alle 3:36 del 24 agosto alle 16,00 di oggi sono stati localizzati 640 eventi, rende noto l'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (Ingv). Sono 88 i terremoti di magnitudo compresa tra 3.0 e 4.0 e nove quelli di magnitudo compresa tra 4.0 e 5.0. Soltanto una replica ha superato la magnitudo 5.0. Tutti e quattro i terremoti più forti avvenuti a partire dalla mezzanotte hanno colpito la zona di Rieti. Il più forte è stato quello delle 14:36,la cui magnitudo è stata ricalcolata da 4,3 a 4,4. Due sismi di magnitudo 3,2 sono stati registrati alle 10:59 e alle 14:21; sempre alle 14:21 è avvenuto un altro sisma di magnitudo 3,0.

© Riproduzione riservata

Correlati