TRIVELLE

Referendum, la Sicilia diserta il voto. Crocetta: raffinerie da riconvertire

di

L’affluenza nell’Isola è stata perfino inferiore a quella nazionale

referendum trivelle, Rosario Crocetta, Sicilia, Politica

PALERMO. La Sicilia non ha risposto all’appello dei comitati referendari. Il voto contro le trivelle non c’è stato: l’affluenza nell’Isola è stata perfino inferiore a quella nazionale, 28,4% contro il 31%. Per Crocetta «è stato svelato un inganno e ora si può lavorare serenamente al vero tema, che è quello della riconversione verde delle raffinerie».

I grillini, fra i principali sostenitori del Sì, intravedono nel risultato isolano uno zoccolo di elettori su cui puntare per le prossime chiamate alle urne. Gli elettori chiamati a votare erano 4 milioni e 34 mila. Ma alle urne sono andati solo in un milione e 146 mila.

La provincia in cui si è votato di meno è stata quella di Caltanissetta (22,5% il dato dell’affluenza), quella con il maggior numero di elettori alle urne è stata Trapani 33,3%. Per il resto, tranne Agrigento (30,6%), Ragusa (29,5%) e Catania (29,3%), i risultati dell’affluenza mostrano un trend inferiore a quello nazionale: il 27% a Messina e Siracusa, il 27,5% a Palermo, il 25,6 a Enna.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA IL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE 

Scopri di più nell’edizione digitale

© Riproduzione riservata

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati