centrodestra, gazebo, roma, Silvio Berlusconi, Sicilia, Politica
ROMA

Primarie centrodestra, Berlusconi nei gazebo con gli "aficionados"

ROMA. Dopo le primarie della Lega e quelle  del Pd arrivano a Roma le gazebarie. Il popolo del  centrodestra va al voto e Guido Bertolaso viene messo alla prova  dei gazebo. Un vero e proprio referendum sull'ex numero uno  della Protezione Civile che, a fine giornata, conta - secondo  l'organizzazione che fa capo all'ex sottosegretario -  «un'affluenza tra le 29-31.000 persone». Cifra che però viene  contestata da Francesco Storace che fa riferimento alle 15 mila  presenze indicate dal coordinatore romano di Fi Davide Bordoni.

La parola, per oggi e domani, passa ai romani che sceglieranno  con un sì o un no se lui dovrà essere il candidato sindaco per  il centrodestra. In campo è sceso anche il leader di Forza  Italia Silvio Berlusconi che assicura: «È l'uomo del fare,  vincerà al primo turno».   C'è chi si è fermato davanti ai gazebo - ne sono stati  allestiti una settantina e con lo slogan 'Roma forte, sicura,  libera!' - «solo per la curiosità di vedere Bertolaso». E Chi  invece davvero ci crede nella consultazione popolare voluta dal  Cavaliere e nel 'tastarè così il polso dei romani: «Così si  vede se la gente vuol votare o meno. Ma soprattutto se lui deve  presentarsi o no - dice un signore dopo aver votato - Io so cosa  ha fatto nella sua vita Bertolaso e mi fido di lui». «Si  dovevano fare le primarie. E dovevano partecipare tutti - si  lamenta invece una signora - Mi sarebbe piaciuto di più. Anche  se alla fine avrei comunque scelto Bertolaso. Io credo in  Berlusconi e se lo ha scelto lui...».

Infine c'è anche chi non  ha nessun dubbio e oggi ha deciso di scendere in piazza  indossando una t-shirt con la scritta 'Roma sei tu, Bertolaso  sindacò. Come lui tanti 'aficionados' di Berlusconi la pensano  così: «Se il Cavaliere chiama noi ci siamo. Voteremo Bertolaso».  Qualcun altro è perplesso sul nome dell'ex capo della Protezione  civile: «L'ho votato ma mi spaventa la storia dei processi. Non  vorrei che alla fine fosse costretto a ritirarsi per altri  motivi». «In Tribunale? Andrà tutto bene, l'Italia è bella per  questo» gli risponde un signore.     In tanti si fermano a chiacchierare vicino ai gazebo.

«Ma  cosa è, un referendum su Bertolaso?» si chiede più di qualcuno.  E migliaia, secondo gli organizzatori, si sono recati oggi ai  gazebo allestiti in tutta la Capitale e che saranno aperti anche  domani, dalle 9.30 alle 13.30. In tanti si sono presentati ai  banchetti per rispondere ad un semplice domanda: «Guido  Bertolaso è stato indicato come candidato sindaco di Roma.  Condivide questa scelta? Si o no». Domani pomeriggio lo spoglio  della consultazione. Bertolaso aveva annunciato che se  prevarranno i 'nò o l'affluenza sarà inferiore a 10mila persone  si ritirerà dalla corsa per il Campidoglio. Un rischio che per  ora sembra essere scongiurato.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati