bimbo catania, fecondazione eterologa, Sicilia, La Sicilia che funziona
SANITA'

Fecondazione eterologa, il primo bambino concepito in Sicilia è nato al Policlinico di Catania

Un altro record per la struttura che già nel 2000 aveva realizzato la prima diagnosi genetica preimpianto per la talassemia in Italia

CATANIA. È nato a Catania il primo bambino concepito in Sicilia con la fecondazione eterologa dopo la sentenza della Corte Costituzionale che ha abolito il divieto posto dalla legge 40 del 2004.

Il piccolo Francesco (il nome è di fantasia) pesa 3,2 kg e si nutre di latte materno. Lui e la mamma stanno bene. Il trattamento è stato effettuato dal team del Centro Umr (Unità di Medicina della Riproduzione) - Hera di Catania, diretto dal ginecologo Nino Guglielmino, a capo di una struttura all'avanguardia in campo internazionale, con un alto numero di trattamenti e una delle percentuali più elevate al mondo di gravidanze ottenute.

Un altro record per la struttura che già nel 2000 aveva realizzato la prima diagnosi genetica
preimpianto per la talassemia in Italia. Il parto è avvenuto nella Clinica Ostetrica del Policlinico di Catania.

«È una gioia immensa, un sogno - sottolineano i genitori, entrambi quarantenni - che rincorrevamo da oltre dieci anni. Un primo tentativo fallito all'estero ci aveva fatto sperimentare le difficoltà, materiali e psicologiche, causate dalla necessità di recarsi in centri stranieri visto l'odioso divieto posto dalla legge 40. Abbiamo quindi atteso con trepidazione la
sentenza della Consulta: non dimenticheremo mai quel giorno di aprile del 2014 che ha dato finalmente di nuovo il via libera in Italia alla Pma eterologa. Il progetto di genitorialità per noi così importante si è finalmente potuto realizzare nella nostra terra, non lontano dalla nostra casa».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati