Giovedì, 20 Settembre 2018
IL CASO

Regione, corsa contro il tempo
per gli stipendi di 1.500 lavoratori

di
Serve un decreto per ripartire i fondi della manovra ad Asp e consorzi: 19 milioni che potrebbero essere persi se l’assessorato al Lavoro non pubblicherà entro dicembre il decreto che dovrà stabilire i criteri di ripartizione dei soldi ai singoli enti

PALERMO. Per salvarli basta solo un decreto. Pena la perdita dei fondi e il rischio di non potere più pagare gli stipendi di circa 1.500 precari delle Aziende sanitarie e di vari enti non locali. Per questa platea di lavoratori la Finanziaria aveva stanziato 19 milioni in un fondo ad hoc, previsti dall'articolo 30 della legge di Stabilità.

Un fondo parallelo a quello di 180 milioni destinato al pagamento dei precari degli enti locali. I diciannove milioni serviranno a pagare gli amministrativi delle Asp, i precari degli Iacp, del Consorzio dei Nebrodi, i lavoratori a tempo determinato delle Camere di commercio, dell’Irsap, dell’Università di Catania e dell’ente parco Floristella.

Soldi che potrebbero essere persi se l’assessorato al Lavoro non pubblicherà entro dicembre un decreto che dovrà stabilire i criteri di ripartizione dei soldi ai singoli enti. Il rischio è che le aziende sanitarie si trovino con un buco di bilancio nei loro consuntivi e che questi percari non vedano più prorogati i loro contratti. A lanciare l'allarme è Forza Italia, con il capogruppo all'Ars Marco Falcone.

ALTRE NOTIZIE NELLE PAGINE DEL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X