cinema, festival, film, roma, Ficarra e Picone, Sicilia, Cultura
ESCE IL 6 NOVEMBRE

"Andiamo a quel paese", Ficarra e Picone sbancano il botteghino

di
L'ultima fatica del duo siciliano ha chiuso il Festival internazionale del Film di Roma. Dicono i due attori-registi: «Rosolini è stato un set perfetto, appena abbiamo visto la piazza ci siamo resi conto che si trattava di un luogo cinematograficamente ideale. E poi gli abitanti ci hanno adottato»

ROMA. A chiudere la IX edizione del Festival Internazionale del Film di Roma, l'ultima dell'era Müller, ci ha pensato "Andiamo a quel paese", il nuovo lavoro cinematografico di Ficarra e Picone (nelle sale dal 6 novembre con un’anteprima palermitana il 2).

Il duo siciliano questa volta riesce come sempre a far ridere ma anche a far pensare. Salvo e Valentino, i due protagonisti della pellicola, rimasti disoccupati, decidono di trasferirsi in un piccolo comune siciliano, dove si inventano un'attività semi-clandestina per accumulare un gruzzoletto: trasformare la casa di Salvo in una sorta di ospizio per anziani che in cambio di assistenza donano le loro pensioni.

In principio gli affari vanno a gonfie vele, ma alcuni accadimenti sfortunati convincono i vecchietti a lasciare la casa. Ad essere recidiva è zia Lucia (Lily Tirrinnanzi). I due però devono correre ai ripari: quando non ci sarà più la zia come faranno? Valentino deve assolutamente sposare l'anziana per assicurare a tutti la sicurezza economica.
«Si tratta di un film comico, ma non ridanciano, che ricorda la tipica commedia all'italiana - afferma Francesco Paolantoni, che veste i panni di un brigadiere napoletano - fa ridere e nello stesso tempo pone delle domande ed impone qualche riflessione».

Al loro quinto film Ficarra e Picone si lanciano in una critica aspra nei confronti della società, affrontano temi come l'ipocrisia, la crisi e le raccomandazioni. «Abbiamo semplicemente osservato quello che ci accadeva intorno, per esempio io avrei voluto fare coppia con Paolantoni e invece mi hanno raccomandato Picone - afferma con la sua verve Ficarra -. Al di là degli 80 euro di Renzi, oggi solo i pensionati ti possono aiutare».

ALTRE NOTIZIE SUL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA

© Riproduzione riservata

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati