JOBS ACT

Riforma del lavoro, Cuperlo non molla: “Sarò in piazza con la Cgil il 25 ottobre”

Il leader della minoranza dem: "Io rivendico una coerenza. E mi batterò perché alla Camera non si arrivi alla fiducia"

Cgil, jobs act, LAVORO, manifestazione, pd, riforma, gianni cuperlo, Sicilia, Politica

ROMA. "Sarò in piazza il 25 ottobre, certo. Il vertice della Cgil ha corretto i toni di alcuni che mi erano sembrati sbagliati". Così il leader della minoranza dem, Gianni Cuperlo, conferma la sua presenza alla manifestazione contro il Jobs Act nell’intervista a un quotidiano. "Io rivendico una coerenza. E mi batterò perché alla Camera non si arrivi alla fiducia. Quella riforma va migliorata. Sento ripetere che 'si discute e poi si vota allo stesso modo'. Ma appunto, si discute".

E alla domanda se voterà la fiducia nel caso in cui venga messa risponde: "So che la fiducia al governo è l'atto più impegnativo". "Penso che la mia responsabilità non possa violare alcuni principi. Per questo - continua Cuperlo - mi rivolgo al segretario e gli chiedo di ricostruire l'unità del suo campo e della sua comunità. Se non lo facesse a emergere sarebbe il divario tra il potere che detiene e la statura della sua leadership".

E sottolinea: "lavorerò per unire e cambiare, ma la premessa non può essere che alla fine si vota qualunque cosa". Quanto all'ipotesi del premier di espellere i dissidenti Pd avverte: "Renzi respinga lo zelo di alcune sue tifoserie. Quando sei alla guida del Pd non puoi cercare la divisione del tuo fronte". "La disciplina di partito - continua Cuperlo - è qualcosa in cui credo", "non c'è un partito senza disciplina, ma neppure può sopravvivere la disciplina senza un partito".

© Riproduzione riservata

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati