IL PREMIO

Nobel per la pace agli attivisti Malala e Satyarthi

Il riconoscimento agli attivisti pakistano e indiano. Ecco le motivazioni

attivisti, Nobel, pace, premio, Kailash Satyarthi, Malala Yousafzay, Sicilia, Mondo

 

ROMA. Il premio Nobel per la pace è andato alla giovane attivista pakistana Malala e all'attivista indiano (rpt, indiano) Kailash Satyarthi. Il premio è stato assegnato per la lotta dei due attivisti "contro l'oppressione dei bambini e dei giovani e per il diritto alla loro istruzione. I bambini devono andare a scuola e non essere sfruttati economicamente". L'indiano Kailash Satyarthi è un attivista dei diritti umani di 60 anni, impegnato dagli anni '90 nella lotta contro il lavoro minorile con la sua organizzazione Bachpan Bachao Andolan. La sua azione ha permesso di liberare almeno 80.000 bambini dalla schiavitù favorendone la reintegrazione sociale.

"Nonostante la sua giovane età, Malala Yousafzay ha già combattuto diversi anni per il diritto delle bambine all'istruzione ed ha mostrato con l'esempio che anche bambini e giovani possono contribuire a cambiare la loro situazione. Cosa che ha fatto nelle circostanze più pericolose". Questa la motivazione per il premio Nobel per la pace 2014 attribuito alla giovane attivista pachistana Malala. "Attraverso la sua lotta eroica è diventata una portavoce importante del diritto delle bambine all'istruzione".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati