arte, monumenti, visite, Sicilia, Palermo, Cultura
L'EVENTO

Fai, anche a Palermo la maratona tra le bellezze della città

Saranno 7 le tappe della maratona culturale organizzata dalla delegazione che ha scelto Corso Calatafimi, l'antico stradone dei pellegrini che nel '700 collegava Porta Nuova a Monreale, come protagonista dell'edizione 2014

PALERMO. Anche a Palermo, come in altre 119 città italiane, si svolgerà domenica 12 ottobre la terza edizione del Faimarathon, la campagna di raccolta fondi del Fondo Ambiente Italiano 'Ricordati di salvare l'Italia'.

Saranno 7 le tappe della maratona culturale organizzata dalla delegazione Fai di Palermo, che ha scelto Corso Calatafimi, l'antico stradone dei pellegrini che nel '700 collegava Porta Nuova a Monreale, come protagonista dell'edizione 2014. Il percorso si snoda dall'Educandato Maria Adelaide, dove si trova una preziosa biblioteca con 6 mila volumi, include l'Albergo delle Povere con il suo antico lavatoio, la Fontana dei Dragoni di epoca seicentesca, il Castello della Cuba, l'antico giardino delle delizie dei re normanni, la Necropoli Punica di epoca fenicia, così come Villa Napoli e la Chiesa di Maria SS della Purificazione.

Alcuni monumenti sono stati restaurati con i proventi del Gioco del Lotto; in occasione dell'edizione sarà possibile partecipare al torneo di fotografia #scattidifelicità. Scaricando l'omonima App sarà possibile condividere entro il 13 ottobre un'immagine che esprima la propria idea di felicità e farla votare al maggior numero di utenti; gli scatti migliori saranno premiati.

"Le bellezze del territorio - ha detto il vicepresidente del Fondo Italiano Ambiente Marco Magnifico - regalano emozioni fortemente positive negli italiani" , che però visitano raramente i tesori (parchi, chiese, monumento) a loro più vicini (una media di 5,5 volte l'anno), soprattutto per le ristrettezze economiche (33%) o per disinteresse (28%), ma anche perchè, vicino a casa, non ci si sente in vacanza (24%).  Ad ogni modo, quando la visita avviene, lo stato d'animo che prevale è quello della felicità, citata spontaneamente dal 20% del campione interpellato, ma si parla anche di estasi, serenità, fascinazione e incanto. A esprimerli sono in particolare i più giovani, che descrivono un senso di spensieratezza, libertà, felicità e relax.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati