Sabato, 17 Novembre 2018

Governo, Renzi contro i "gufi": "O faccio la svolta o la chiudo qui"

ROMA. I «gufi», gli amanti dello status  quo, i burocrati che pensano che «il mondo si cambia con 42-43  decreti». Matteo Renzi non fa i nomi dei «nemici» ma descrive,  con molte battute e qualche attacco, i frenatori che remano  contro o non credono alla sua svolta, politica ma ancor prima  culturale. E che gli hanno impedito - spiega - di mettere i  soldi in tasca ai lavoratori prima delle elezioni europee. Ma,  come successo per la legge elettorale, il premier alza ancora  una volta la posta, convinto di vincere la battaglia: o riesco a  fare in 100 giorni «un'operazione di portata storica», riforma  del Senato inclusa, o chiudo con la politica.      


Ci ha provato fino a stamattina Renzi ad accelerare procedure  tecniche e strumenti di legge per approvare, in consiglio dei  ministri, anche il pacchetto fiscale. L'obiettivo, da capo del  governo ma anche da leader del Pd, era affrontare la campagna  elettorale con il miglior biglietto da visita: abbassare le  tasse e dimostrare all'Europa che il governo, pur rispettando i  parametri, non si fa dettare i compiti a casa dai burocrati di  Bruxelles. «Sono stato respinto con perdite», ammette il  presidente del consiglio che ha solo spostato di un mese  l'orizzonte del suo impegno. D'altra parte nemmeno il cambio di  guardia a Palazzo Chigi ha modificato i tempi della sua prima  sfida: l'approvazione della legge elettorale alla Camera. «Avevo  previsto il 28 febbraio, ho 12 giorni di ritardo, scusate ma  erano 8 anni che aspettavamo», rivendica aggiungendo che, a  differenza del passato e a dispetto delle tensioni politiche, il  governo non è mai andato sotto.     


Da domani il percorso sarà ad ostacoli ma Renzi, come  ripetono i suoi, si esalta nelle sfide. Con l'aggiornamento del  Def il premier punta a smussare i timori di quanti l'hanno messo  in guardia rispetto ai limiti europei, determinato ad ottenere  dall'Europa un «ampio consenso» per una riforma strutturale di  tale portata, dal lavoro alle imprese passando per il suo chiodo  fisso delle scuole. L'unico consiglio arrivato dal Colle,  infatti, spiegano fonti parlamentari, era di mettere attenzione  alla coerenza complessiva del pacchetto soprattutto guardando  alla valutazione dell'Europa.  Di problemi di copertura Renzi non ne vuole neanche sentir  parlare. E, assicurano i suoi, il premier continuerà a lavorare  ai fianchi del commissario Carlo Cottarelli, al quale il leader  Pd chiede 7 miliardi di risparmi per il 2014 ma che per ora,  «molto prudenzialmente», sostiene Renzi, si è fermato a 3  miliardi. Per questo, raccontano fonti parlamentari, il  commissario alla spending review traslocherà dal Tesoro a  Palazzo Chigi proprio per aumentare la collaborazione tra l'uomo  dei tagli e il presidente del consiglio che vuole disboscare gli  sprechi della macchina dello Stato. E «cambiare l'Italia per  cambiare l'Europa», secondo uno degli slogan delle slides dentro  le quali l'ex sindaco di Firenze racchiude la sua sfida,  incassando in cdm il via libera dei suoi partner di governo. Il  confronto parlamentare è poi l'ultimo dei timori del premier: ce  l'ho fatta con la legge elettorale, «voglio vedere - dice ai  suoi - chi dirà no a soldi in più a chi ne ha bisogno». 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X