Beni confiscati, assegnate due ville al comune di Monreale

PALERMO. Saranno assegnate al Comune di Monreale (Pa) le due ville confiscate nel 2007 al boss Castrenze Balsano, affinchè siano destinate a scopi sociali o istituzionali. Confiscati nel 2007, i due edifici, grandi 508 metri quadrati, hanno una corte circostante che si estende per 3455 metri quadrati, e sono situati nel territorio di Monreale, nella frazione di Aquino, in via Adragna  al civico 32.
«Gli immobili - ha dichiarato il sindaco Filippo Di Matteo - saranno utilizzati per finalità istituzionali o sociali, assegnandoli a titolo gratuito ad organizzazioni di volontariato o a cooperative sociali».
Di Matteo attualmente ricopre la carica di Presidente del Consorzio «Sviluppo e Legalità» che si occupa della gestione di beni confiscati nel vasto comprensorio dell'Alto Belice
Corleonese, da sempre considerata un' area a forte rischio criminalità. Il primo cittadino ha ringraziato anche il direttore dell'Agenzia Nazionale per l'amministrazione e la
destinazione dei beni sequestrati e confiscati alla criminalità organizzata, il prefetto Giuseppe Caruso per la disponibilità  che ha sempre avuto nei confronti sia del Consorzio che del Comune di Monreale, sull'utilizzo e l'assegnazione di beni sottratti alla mafia.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati