Mazara, armatori a colloquio con il sindaco per la crisi del settore ittico

MAZARA DEL VALLO. Crisi di liquidità delle imprese di pesca acuita dal blocco dell'accesso al credito, caro gasolio, concorrenza sleale delle marinerie extracomunitarie, riduzione delle risorse ittiche e delle zone abilitate alla pesca, rapporti con Equitalia e organismi di controllo: sono questi alcuni dei problemi che gli operatori del settore ritengono prioritari da affrontare per superare la crisi. Una cinquantina di armatori, capitani e operatori del settore ittico mazarese  sono stati ricevuti questa mattina al palazzo di Città dal sindaco Nicola Cristaldi per richiedere un aiuto istituzionale del primo cittadino al fine di affrontare i problemi del comparto nelle sedi competenti. «Ci sono questioni di estrema urgenza, alcune di carattere finanziario come la necessità di ricapitalizzazione delle aziende ed un nuovo e più equo rapporto con Istituti di credito ed Equitalia - ha detto Cristaldi - ed altre questioni che attengono le modalità di pesca ed i rapporti con i Paesi rivieraschi come Libia e Tunisia. Alcune di queste vicende possono essere affrontate con una certa celerità, altre richiedono una politica strategica che interrompa il tentativo di penalizzare la pesca mediterranea a favore della pesca del nord Europa. Le problematiche discusse e le proposte di risoluzione che abbiamo discusso con gli operatori saranno riportate in un documento che sottoporremo innanzitutto al Prefetto».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati