Lavori pubblici, Ance: "Anas senza fondi, imprese non pagate in Sicilia"

Nell'Isola potrebbe esserci un danno da più di 100 milioni di euro. Il problema riguarda ad esempio le maggiori opere stradali e altri interventi di minore entità

PALERMO. Il ministero dell'Economia non  accredita più fondi all'Anas e, a cascata, non vengono più  pagati lavori eseguiti da General contractor, imprese  affidatarie e subappaltatrici. Il problema, che è di livello  nazionale, in Sicilia si traduce in un danno economico di oltre  100 milioni di euro e riguarda sia le maggiori opere stradali in  corso nell'Isola (lavori sulla Ss 640 di Porto Empedocle, sulla  Ss 117 «Centrale sicula», sulla SS 124 «Siracusana» e sulla  Ss 189 «della Valle del Platani») che numerosi altri  interventi di minore entità. Lo dice Salvo Ferlito, presidente  regionale di Ance Sicilia, che annuncia: «Contatteremo il  ministero. In assenza di risposte, dal prossimo 27 luglio le  nostre aziende saranno costrette a chiudere tutti i cantieri e a  licenziare il personale. Una serrata obbligata, perchè la  prolungata crisi del settore ha prosciugato i capitali d'impresa  e nessuno è più in condizione di indebitarsi ulteriormente con  le banche per pagare stipendi e fornitori»

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati