Palermo, operai Sirti si incatenano davanti alla sede

PALERMO. Una ventina di lavoratori della Sirti, che si occupa di istallazioni telefoniche con sedi in tutta Italia, si sono incatenati davanti ai cancelli degli uffici della società in via Jafar a Palermo. I dipendenti protestano contro la decisione dell'azienda di mettere in cassa integrazione a zero ore per circa 12 mesi 30 lavoratori nelle sedi di Palermo (27) e Catania (3). Lo rende noto la Fiom. Nei giorni scorsi la società, che ha sedi in tutta Italia e occupa circa 4000 persone, aveva annunciato un piano da mille esuberi su scala nazionale. Secondo i sindacati dei metalmeccanici, la vertenza nelle due sedi siciliane riguarderebbero circa 60 persone. "Protestiamo - dice Giuseppe Romano della Rsu Fiom della Sirti - perché la ditta non ha un problema di commesse, tanto e vero che parte del lavoro viene dato in subappalto. Chiediamo l'apertura di un tavolo di trattativa nazionale per trovare una soluzione condivisa sulla vertenza".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati