Palermo, "multa morale" per l'Amia

Gesto simbolico del gruppo di cittadini "Palermo Indignata" nato su Facebook

PALERMO. Il gruppo di cittadini "Palermo Indignata" ha consegnato questo pomeriggio una multa "morale" all'Amia, l'azienda che si occupa della raccolta dei rifiuti. Nei giorni scorsi un mezzo dell'Amia era stato sorpreso mentre prelevava contemporaneamente rifiuti organici e indifferenziati che dovrebbero invece essere raccolti e conferiti in tempi e modi diversi.  
Il gruppo, nato su Facebook e che oggi raccoglie circa 600 persone, ha consegnato al direttore generale Nicola Gervasi la "multa" per la mancata raccolta differenziata. "Questo
rappresenta un punto di rottura con tanti, tantissimi palermitani - dice Alessandro Bruno, del gruppo Palermo Indignata -, che ogni giorno differenziano i loro rifiuti pensando che quei minuti spesi non siano tempo perso, bensì un investimento per una migliore vivibilità della propria città. Non si può continuare a ignorare quelle che sono le necessità di una città che sta rimanendo sempre più indietro su tutte le tematiche: lavoro, gestione rifiuti, trasporti metropolitani". Il direttore Gervasi ha assicurato che il servizio di raccolta differenziata proseguirà senza disservizi e che inoltre sarà esteso ad altre zone della città.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati