Libia, taglia sul Rais

Pronti 1,6 milioni di dollari a chiunque catturi o uccida Gheddafi. Ma il colonnello è sparito

TRIPOLI. Il Cnt offre 1,6 milioni di dollari a chiunque catturi o uccida Muammar Gheddafi. Il presidente del consiglio di transizione Mustafa Abdel Jalil ha dichiarato che a chiunque consegnerà il rais sarà concessa l'amnistia.ribelli sono entrati nella residenza di Muammar Gheddafi dopo essere penetrati nel compound di Bab al Aziziya. E' quanto riporta il canale satellitare Al Jazira. Secondo la France Presse i ribelli hanno preso il quartiere generale del colonnello.
Intanto, Mosca rimane l'unica grande potenza mondiale a sostenere la necessità di un negoziato tra gli insorti, ormai arrivati nel cuore di Tripoli, e il leader libico Gheddafi. E questo mentre alcune capitali occidentali lavorano già ad una nuova risoluzione Onu per sbloccare a vantaggio dei ribelli i beni libici congelati. "Nonostante alcuni successi dei ribelli a Tripoli, Gheddafi e i suoi sostenitori mantengono sempre una certa influenza e un certo potenziale militare. Noi vorremmo che i combattimenti cessassero al più presto e che le parti si sedessero al tavolo dei negoziati per raggiungere un accordo sul futuro della Libia", ha detto il leader del Cremlino Dmitri Medvedev a margine di un blindatissimo summit siberiano con un altro dittatore, il leader nordcoreano Kim Jong-il, ricevuto con tutti gli onori. Secondo il presidente russo, in Libia "di fatto c'é una diarchia". Ma Medvedev, nella sua prima dichiarazione pubblica dopo la conquista del quartier generale di Gheddafi, ha tentato anche una timida apertura: "se gli insorti avranno abbastanza forza e opportunità per unire il Paese su nuove basi democratiche, allora naturalmente esamineremo la possibilità di stabilire appropriate relazioni con loro".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati