Famiglia sterminata, caccia all'agricoltore

Proseguono le ricerche del proprietario di uno dei terreni confinanti con il podere di Filippo Militano. Autopsia sui corpi delle vittime

GELA. All'obitorio del cimitero "Farello", di Gela, è il momento dell'autopsia sui corpi di Filippo Militano, la moglie, Giuseppa Carlino, e il figlio tredicenne, Salvatore, uccisi, martedì scorso, a colpi di pistola, da un killer ancora sconosciuto, nella loro residenza estiva, una villetta di contrada "Desusino", nelle campagne di Butera.
Intanto proseguono le ricerche dell'agricoltore quarantenne, proprietario di uno dei terreni confinanti con il podere di Filippo Militano. Testimoni oculari lo avrebbero visto allontanarsi dalla zona della strage, subito dopo il massacro, a bordo di una Fiat Punto di colore scuro. Di lui non si hanno più notizie da tre giorni. Pare che in passato, abbia sofferto di disturbi mentali. Smentite, dai carabinieri, le voci secondo cui tra l' uomo ricercato e le vittime ci fossero rapporti di parentela.
Gli investigatori continuano a sospettare che contrasti di interessi sulla proprietà contesa dei confini di quei fondi di contrada Desusino potrebbero avere armato la mano del killer.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati