Lampedusa, distrutte reti per inanellamento degli uccelli

LAMPEDUSA. Sono state distrutte la notte scorsa da ignoti le reti per l'inanellamento degli uccelli migratori montate in Contrada Sanguedolce a Lampedusa. Il sito fa parte di un progetto di studio e ricerca sui volatili condotto, per il terzo anno consecutivo, dalla stazione siciliana con l'Ispra, l'università di Palermo e Legambiente - ente gestore della riserva naturale "Isola di Lampedusa".     Il progetto, della durata di un mese, è contemporaneamente condotto in altre isole del Mediterraneo ed è finalizzato alla conoscenza delle rotte e strategie migratorie degli uccelli migratori.    "I dati raccolti a Lampedusa - afferma il professor Bruno Massa dell'Università di Palermo - hanno grande importanza sotto il profilo scientifico e conservazionistico, in virtù della posizione geografica dell'isola". Contemporaneamente è incendiata l'automobile del comproprietario dell'abitazione dove sono ospitati i ricercatori.    "Si tratta di un grave atto di natura intimidatoria - dice Giusi Nicolini, direttore della riserva naturale gestita da Legambiente, - che colpisce sia i ricercatori che la Riserva nella sua attività di sostegno e incentivazione alla ricerca scientifica, individuata con ogni evidenza come unica attività di disturbo al bracconaggio". Le indagini sono condotte dai carabinieri.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati