Incendio di Erice, ecco il responsabile

Un pastore di 33 anni, originario di Valderice, ha confessato. Da decifrare ancora il movente

TRAPANI. Gli agenti del Corpo forestale della sezione di Pg - guidati dal comandante Croce Conigliaro - hanno individuato l’incendiario che, lo scorso 17 luglio appiccò il fuoco che scatenò l’inferno. Si tratta di V.C. di 33 anni, pastore, originario di Valderice, ma residente a Erice Vetta. Nei suoi confronti il giudice per le indagini preliminari del tribunale del capoluogo ha emesso la misura dell’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria.
Ad essere ridotto in cenere è stato il bosco, realizzato con i fondi Por, in contrada Sant’Anna. Gli investigatori sono riusciti a ricostruire gli spostamenti del trentatreenne che il Monte lo conosce come le sue tasche. Alla fine all’indagato non è rimasto altro da fare che ammettere le proprie responsabilità, confessando - davanti al Pm Franco Belvisi - di essere stato l’autore di un altro incendio appiccato cinque giorni prima. Il movente, però, è ancora tutto da decifrare. V.C. è un pastore senza gregge - come lo hanno definito gli inquirenti - ossia un disoccupato. Circostanza, questa, che accantonerebbe l’ipotesi che alla base del gesto vi possa essere un interesse legato al rinnovo di una concessione di pascolo.
I dettagli sul Giornale di Sicilia oggi in edicola (edizione locale)

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati