Militari ucciso in Afghanistan: uno era siciliano

Si chiamava Sebastiano Ville ed era originario di Francofonte, paese del Siracusano

KABUL. E' siciliano uno dei quattro alpini morti in un agguato in Afghanistan, a circa 200 chilometri a est di Farah, al confine con l'Helmand. Si chiamava Sebastiano Ville ed era originario di Francofonte, paese del Siracusano.
Dopo sette anni di ferma volontaria il primo caporal maggiore degli Alpini, Sebastiano Ville, sarebbe diventato effettivo nel dicembre prossimo. Lo ha reso noto il capitano Ezio Raciti del 62° Reggimento Fanteria dell'Esercito di Catania, uscendo dall'abitazione della vittima siciliana dell'attentato in Afghanistan.
"I familiari sono molto scossi - ha detto l'ufficiale – ed hanno reagito con profondo dolore alla notizia. Se hanno appreso tutto dalla stampa? Non lo sappiamo, noi ci siamo mossi in tempo reale e alle 10.30 eravamo sul posto".
Il capitano Raciti ha confermato che Ville "era stato già in teatri di questo genere". "Era - ha aggiunto  l'ufficiale - un militare esperto che aveva dato il suo contributo in altre attività operative in zone di alta intensità".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati