Lipari, presto una mappa delle zone a rischio

Ingegneri e geologi al lavoro per individuare le aree più soggette a frane e smottamenti

PALERMO. E' stato insediato nel centro operativo comunale di Lipari un gruppo tecnico del dipartimento della protezione civile regionale. Dodici, tra ingegneri e  geologi, nelle prossime ore, provvederanno alla mappatura delle zone veramente a rischio nel perimetro della maggiore delle isole Eolie. Le forze dell'ordine e le autorità comunali provvederanno alla loro interdizione.     
A questa decisione si è arrivati al termine della riunione coordinata a Lipari dal prefetto di Messina, Francesco Alecci, a  cui hanno partecipato i rappresentanti del dipartimento nazionale della protezione civile guidati da Guido Bertolaso, dai tecnici del dipartimento regionale coordinato da Pietro Lo Monaco, da esponenti del Corpo forestale e dai responsabili del Comune di Lipari e dai dirigenti dei vigili del fuoco, della capitaneria di porto, della polizia di Stato e dei carabinieri. "Salvaguardare l'incolumità dei bagnanti senza creare allarme, in piena stagione estiva, è il tema a cui abbiamo lavorato - afferma Lo Monaco -. Del resto tutto il territorio delle Eolie é legato a un sistema vulcanico attivo. Le misure allo studio servono a trovare un equilibrio che permetta di convivere con i  fenomeni sismici e vulcanici senza sottovalutarne la potenziale pericolosita".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati