Anfora greco-romana ritrovata nel mare di Capo Taormina

Era inabissata ad una profondità di circa 45 metri. A recuperarla i carabinieri del nucleo subacquei di Messina

TAORMINA. I carabinieri del nucleo subacquei di Messina, assistiti da personale della sovintendenza di Palermo, hanno trovato nello specchio di mare antistate Capo Taormina una preziosa anfora greco-romana, inabissata a una profondità di circa 45 metri. A individuarla erano stati alcuni sub, che avevano avvertito la Sovrintendenza del Mare di Palermo che, a sua volta, ha richiesto l'intervento dell'Arma per il recupero del reperto archeologico. L'anfora è stata trasportata all'istituto nautico Luigi Rizzo di Riposto, in provincia di Catania, per essere esaminata. 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati