I funerali dei bimbi di Gela, rose e un peluche "da mamma"

Una composizione di fiori a forma di cuore tra le bare e anche un cartello destinato a suscitare polemiche fatto preparare dai familiari

GELA. Una composizione di rose bianche a forma di cuore con la scritta "mamma" e un piccolo pupazzo di Winnie the Pooh. Sono gli ultimi "regali" ai suoi bambini di Vanessa Lo Porto, la casalinga di 31 anni che venerdì scorso ha annegato i due figli Andrea Pio e Giuseppe Rosario, di due e nove anni, perché affetti da autismo. Le rose e il pupazzo sono tra le due bare bianche che si trovano all' interno della chiesa di San Rocco a Gela, già affollata da tantissime persone, dove tra poco cominceranno i funerali.          
All'esterno della parrocchia una grande cartellone con tanti palloncini bianchi, fatto preparare dai familiari della donna e destinato a suscitare polemiche: raffigura le foto dei due bimbi e la scritta "La nostra mamma ci ha riservato un futuro migliore".    
Alla cerimonia sono presenti i genitori e i fratelli di  Vanessa Lo Porto e il marito Marco D'Augusta, 38 anni, che da sei mesi era separato dalla moglie. Le due famiglie, che siedono su file opposte, si sono divise anche sulla scelta della chiesa dove celebrare le esequie. Assente invece la mamma dei due bimbi che da ieri è agli arresti domiciliari in una clinica di riabilitazione neuro-motoria di Troina (Enna).    
Il rito sarà celebrato da don Enzo Romano, il parroco della chiesa che era frequentata dai due fratellini.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati