Condotta acqua di Scillato rotta: "Si perdono 1000 litri al secondo"

PALERMO. Circa mille litri di acqua potabile al secondo vengono persi per la rottura della condotta "nuovo Scillato", inattiva da fine febbraio, ma che ha lavorato a singhiozzo per tutto il 2009. Per sollecitare la manutenzione e il conseguente ripristino della condotta che approvvigiona la città di Palermo, i sindacati Uilcem, Femca Cisl e Filcem Cgil hanno scritto al presidente e ai dirigenti dell'Amap e al sindaco di Palermo. "La condotta si è rotta a causa di una frana - spiega Antonino Musso segretario provinciale della Filcem Cgil - Già in passato era stata parzialmente riparata, ma da un anno a questa parte la gran parte dell'acqua si perde. Sarebbero  infatti necessari lavori per rimettere a pieno regime la condotta, una delle principali di Palermo".  I sindacati hanno già sollecitato l'Amap nei mesi scorsi, ma l'azienda ha passato le competenze per le infrastrutture e la manutenzione alla società privata Aps che però non è ancora intervenuta. "Sappiamo che è stata avvertita anche la Protezione civile regionale - ha proseguito Musso - ma nessuno é ancora intervenuto, compreso il sindaco. Per il momento, visto che ha piovuto fino a qualche settimana fa, i bacini e l'altra condotta,"Vecchio Scillato" bastano per l'approvvigionamento della città, ma presto le riserve
potrebbero non bastare".  Secondo i sindacati, la rottura della condotta causa una perdita annuale di circa 30 milioni di metri cubi d'acqua.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati