Martedì, 10 Dicembre 2019
stampa
Dimensione testo
DA GDS IN EDICOLA

Raddoppio della Ragusa-Catania, marcia di protesta lunga sette chilometri

di
autostrada, protesta, statale 514, Catania, Ragusa, Cronaca

Un serpentone lungo circa sette chilometri, la marcia lenta che ha collegato i due luoghi della protesta per chiedere al Governo centrale il rispetto del territorio di Ragusa, lo sblocco della realizzazione del raddoppio della statale 514, la Ragusa-Catania.

C'erano i rappresentanti istituzionali dei comuni di Ragusa, Comiso, Santa Croce, Giarratana, Monterosso e Scicli. Cgil, Cisl e Uil, Cna, Confcommercio, Confagricoltura, Ance, Confindustria, il Comitato per il raddoppio, Articolo 1, i deputati iblei Giorgio Assenza (Diventerà bellissima), Nello Dipasquale (Pd) e Orazio Ragusa (Forza Italia), con i loro partiti.

«Abbiamo dato mandato a un legale di difendere la nostra comunità», ha detto il sindaco di Ragusa, Giuseppe Cassì in apertura di manifestazione, perché «Isolata da ferrovie e strade. Questo pezzo di Italia merita rispetto».

L’articolo nell’edizione della Sicilia Orientale del Giornale di Sicilia

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X