Sabato, 15 Dicembre 2018

Da Hal 9000 a Cimon, i robot con l'uomo fra le stelle

L'uomo non è più solo nella conquista dello spazio. Al suo fianco ci sono nuovi assistenti digitali dotati di intelligenza artificiale, che promettono di aiutarlo nella gestione della routine quotidiana e delle emergenze: da Cimon, il robot volante che lavorerà con Luca Parmitano sulla Stazione spaziale internazionale (Iss), fino a 'Case', il gemello buono del temibile computer di '2001 Odissea nello spazio', che è appena stato progettato da un'azienda texana in collaborazione con la Nasa.

L'idea è venuta all'ingegnere Pete Bonasso, esperto di intelligenza artificiale della TRACLabs Inc, che nel 1968 rimase impressionato dalla visione dell'inquietante Hal 9000 nella pellicola di Stanley Kubrick. Desideroso di riprodurlo nei suoi aspetti positivi, e non certo nei suoi istinti omicidi, ha progettato 'Case' (Cognitive architecture for space agents), un nuovo sistema di intelligenza artificiale capace di gestire in completa autonomia una futura stazione spaziale su un altro pianeta. La sua architettura prevede tre livelli: il primo controlla la parte hardware della stazione planetaria, inclusi i sistemi per il supporto vitale e l'alimentazione energetica; il secondo livello esegue il software che fa funzionare l'infrastruttura hardware; il terzo, infine, elabora soluzioni per affrontare la routine quotidiana e le emergenze.

A tutto questo si aggiunge poi un sistema capace di ragionare e valutare i dati che processa, per poi interfacciarsi con l'uomo e rispondere alle sue richieste. "I nostri colleghi e i nostri omologhi alla Nasa non sono preoccupati che il nostro Hal possa andare fuori controllo, perché non può fare nulla per cui non sia stato programmato", rassicura Bonasso in un'intervista sul sito Space.com. Testato in un ambiente virtuale, il sistema ha dimostrato di saper gestire una stazione planetaria senza intoppi per almeno quattro ore consecutive.

Nell'attesa che Case prenda forma e inizi a operare nel mondo reale, l'intelligenza artificiale ha già cominciato la sua avventura nello spazio al fianco dell'uomo con 'Cimon' (Crew Interactive MObile CompanioN), il primo assistente digitale a bordo della Stazione spaziale internazionale (Iss).


L'assistente digitale Cimon sulla Stazione Spaziale con il comandante Alexander Gerst (fonte: ESA/NASA)

 

Questo robot volante stampato in 3D è una sfera dal diametro di 32 centimetri e pesante cinque chili, con un display che mostra occhi, naso e bocca stilizzati. Progettato per ascoltare, osservare e parlare con l'uomo, ha debuttato pochi giorni fa dialogando per 90 minuti con l'astronauta europeo Alexander Gerst. Anche l'italiano Luca Parmitano lo avrà come compagno di viaggio nella sua prossima missione 'Beyond' nel 2019.

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X