Giovedì, 15 Novembre 2018

Legambiente, un mare di rifiuti nelle reti dei pescatori

Terra e Gusto
.
© ANSA

ROMA - Quasi 5 tonnellate di rifiuti (4,8 per la precisione), in prevalenza di plastica e monouso, sono state recuperate dai fondali marini in alcune zone del Tirreno e dell'Adriatico, negli ultimi 6 mesi, dai pescatori con le reti a strascico. Lo ha reso noto Legambiente - nell'ambito di Ecomondo - spiegando che si tratta dei primi dati dei progetti sperimentali del "Fishing for litter made in Italy" che consentono ai pescatori di portare a terra i rifiuti che finiscono nelle loro reti "senza conseguenze (multe o costi aggiuntivi) e contribuire al loro corretto smaltimento".

In particolare, il progetto nell'Arcipelago Toscano ha portato "a galla" da maggio a settembre 1,8 le tonnellate di rifiuti; a Porto Garibaldi (Ferrara) ad oggi si contano 23 giornate di questo tipo che hanno portato al recupero di oltre una tonnellata di rifiuti; a Manfredonia (Foggia) in una sola giornata sono stati oltre 390 i chili di rifiuti riportati a terra mentre in due mesi sono stati riportati in superficie 1,6 tonnellate di rifiuti a Terracina (Latina).

La pesca "può ricoprire un ruolo da protagonista nella pulizia del nostro mare" dichiara Giorgio Zampetti, direttore generale di Legambiente osservando che è una misura "prevista dalla direttiva europea Marine Strategy ma che in Italia è ostacolata dalle normative vigenti" perchè "fatta eccezione per questi progetti pilota, questa pratica è vietata e i pescatori sono costretti a ributtare in mare i rifiuti pescati. E' urgente l'approvazione di una legge che consenta finalmente a queste attività di potersi svolgere regolarmente".(ANSA).

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X