Giovedì, 15 Novembre 2018

Onde gravitazionali, verso la nuova misura dell'espansione dell'universo

Scienza e Tecnica
Rappresentazione artistica delle onde gravitazionali generate dalla collisione di due stelle di neutroni (fonte: Robin Dienel/The Carnegie Institution for Science)
© ANSA

Ancora cinque anni, al massimo dieci, e le onde gravitazionali aiuteranno a ottenere la misura più precisa di sempre della velocità alla quale l'universo si espande. Lo sostiene lo studio pubblicato sulla rivista Nature dai ricercatori dell'Università di Chicago Hsin-Yu Chen, Maya Fishbach e Daniel E. Holz, che hanno messo a punto il metodo che permetterà di utilizzare le onde gravitazionali per questo nuovo tipo di misura. Teorizzate da Einstein più di un secolo fa, le onde gravitazionali sono le vibrazioni dello spazio-tempo catturate per la prima volta nel settembre 2015.

"Nel giro di 5 o 10 anni - osservano i ricercatori - sarà possibile avere una misura più precisa della cosiddetta costante di Hubble", un parametro che dà conto di quanto l'espansione dell'universo stia accelerando, allontanando le galassie le une dalle altre come l'uvetta in un panettone che lievita. Il primo a intuire che il cosmo non è statico era stato nel 1929 l'astronomo americano Edwin Hubble, studiando alcune galassie al di fuori della Via Lattea.

"La costante di Hubble ci dà informazioni sulle dimensioni e sull'età dell'universo", ha spiegato Holz. Per questo ottenerne una misura più precisa è molto importante ed è grande l'attesa di nuovi dati sulle onde gravitazionali quando, nel febbraio 2019, i rivelatori americani Ligo e l'europeo Virgo riprenderanno ad ascoltare il cielo con una maggiore sensibilità. "Ci aspettiamo di catturarne di più. Maggiore sarà il numero di segnali ascoltati, più precisa potrà essere la misura dell'espansione dell'universo", ha detto all'ANSA Paolo D'Avanzo, dell'Osservatorio di Brera dell'Istituto Nazionale di Astrofisica (Inaf) e fra i protagonisti della ricerca sulle onde gravitazionali.

"Con un numero sufficientemente elevato di segnali - ha aggiunto - potremmo arrivare a una precisione dell'ordine dell'1-2%. Ancora una volta lo studio delle onde gravitazionali si rivela uno strumento promettente per far luce sulle domande fondamentali dell'astrofisica. Le misure della costante di Hubble ottenute con nuove sorgenti di onde gravitazionali - ha osservato - potranno fornire agli astrofisici nuovi preziosi dati per investigare la natura dell'energia oscura, una sorta di forza di gravità che agirebbe al contrario accelerando l'espansione dell'universo, dandoci così informazioni preziose sul destino finale del cosmo".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X