Sabato, 20 Ottobre 2018

L'Infn sospende un fisico dopo frasi sessiste

Scienza e Tecnica
Una delle slide della presentazione fatta al Cern dal fisico Strumia
© ANSA

 

 L'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (Infn) ha deciso di sospendere immediatamente il fisico Alessandro Strumia in seguito alle dichiarazioni sulle dichiarazioni sulle discriminazioni di genere nella fisica fatte nel convegno High Energy Theory and Gender organizzato al Cern di Ginevra. Il provvedimento, "in attesa del risultato degli approfondimenti sul caso", è reso noto dallo stesso ente di ricerca.

"L'Infn - si legge nella nota - ha deciso di procedere alla sospensione immediata dell'associazione con la motivazione che il prof. Strumia ha fatto, per di più in un contesto pubblico internazionale, affermazioni lesive dell'immagine dell'Ente e, cosa ancor più grave, discriminatorie e apertamente lesive della reputazione di ricercatrici e ricercatori dipendenti e associati all'INFN, in violazione delle norme del Codice etico e del Codice di comportamento per la tutela della dignità delle persone dell'Istituto".

Nel suo intervento al Cern Strumia aveva dichiarato che l'uguaglianza è degenerata nel gender e che ora sono gli uomini a subire discriminazioni nel mondo della fisica, dove, benché più bravi, si vedono scavalcare da donne con meno meriti di loro. La sua presentazione, testa a dimostrare, lo scorso venerdì, che la fisica non è sessista,è stata ritenuta altamente offensiva dal Cern, che il primo ottobre lo ha sospeso con effetto immediato da tutte le attività.

Nel suo intervento il ricercatore aveva detto che "la fisica è stata inventata e costruita dagli uomini, non si entra per invito". Con grafici e tabelle, ha ricordato come "gli uomini preferiscano lavorare con le cose, e le donne con le persone" e che ci sono "differenze nei sessi già nei bambini, prima che l'influenza sociale intervenga". Non è vero dunque che la fisica è sessista con le donne. Sono gli uomini a subire discriminazioni, tanto da finire spesso scavalcati nel fare carriera da colleghe con meno meriti di loro. Lui stesso ne sarebbe un esempio, visto che l'Infn non lo avrebbe assunto, preferendogli due ricercatrici con meno citazioni.Strumia ha citato come esempio anche la politica dell'università britannica di Oxford, che estende la durata degli esami a beneficio delle donne, e quella dell'Italia di dare borse di studio solo alle donne che studiano materie scientifiche.

Affermazioni ritenute "altamente offensive" dal Cern, che ha sospeso Strumia con effetto immediato da tutte le attività, nell'attesa che si concluda l'indagine sull'accaduto. Al pari di molti membri della comunità, il Cern ritiene "la presentazione, con i suoi attacchi, inaccettabile in ogni contesto professionale e contraria al Codice di condotta del Cern, che perciò ha rimosso le slide dal suo archivio online". La diversità, conclude, è uno "dei valori principali del Cern, che è impegnato a promuovere diversità e uguaglianza a tutti i livelli".

Anche il rettore dell'Università di Pisa, Paolo Mancarella, ha disposto l'apertura di un procedimento etico.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X