Giovedì, 13 Dicembre 2018
DOPO UN RICORSO

Università, dal Tar stop da una parte del decreto che regola gli accessi a Medicina

È annullato il decreto ministeriale   che regola l’accesso ai corsi di formazione in medicina  generale, nella parte in cui prevede che a parità di punteggio  tra candidati si fa ricorso al criterio di preferenza della minore anzianità di laurea. L’ha deciso il Tar del Lazio, in accoglimento di un ricorso proposto dagli avvocati Santi Delia e Michele Bonetti per uno studente siciliano che ha partecipato nell’ottobre 2018 a uno dei corsi in questione, salvo poi essere escluso dalla graduatoria proprio in virtù di quel criterio di preferenza poi contestato.

«Si tratta di un criterio assolutamente illogico e irrazionale - si legge in una nota degli avvocati Delia e   Bonetti - che paradossalmente finisce per premiare solamente i soggetti che hanno impiegato più tempo a laurearsi e non   certamente i migliori. E adesso il Tar ha riconosciuto questa   tesi».

Per i giudici amministrativi, infatti, «il criterio di   preferenza della minore anzianità di laurea non appare legato a   nessun principio oggettivo di merito, ma a circostanze   soggettive e fattuali irrilevanti ai fini dell’accesso ad un   corso formativo destinato a costituire a sua volta titolo di   valutazione per l’inserimento nella professione medica di base».

«Un sistema così strutturato - commenta l’avvocato Delia -   affida sostanzialmente al caso l’ammissione al percorso di   formazione, in aperta violazione di tutti i principi che   sottendono ogni procedura concorsuale, finalizzata sempre alla   scelta dei migliori. Volendo dargli una logica, potrebbe essere   individuata nella circostanza che la minore anzianità di laurea   dovrebbe corrispondere ad un aggiornamento più recente.  Paradossalmente, tuttavia, si dimentica che se è questa la   ratio, l’aggiornamento più recente deve essere riferito anche al   post lauream. Un criterio che andando a valorizzare semplicemente la data di conseguimento del diploma di laurea,   non tiene in considerazione la reale preparazione dei vari   concorrenti: è irragionevole che soggetti operanti nel medesimo   settore, ossia quello medico, subiscano regole diverse nella   disciplina dell’accesso ai corsi di formazione post lauream,   quando si verificano situazioni di ex aequo».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X