Mercoledì, 19 Settembre 2018

Grande festa per GTI a Wolfsburg, città-fabbrica Volkswagen

(ANSA) - WOLFSBURG (GERMANIA), 4 SETT - Ci sono sigle e nomi nel mondo dell'automobile che sono diventati sinonimo di un certo tipo di modello e perfino di stili di vita. E' il caso di Jeep - con cui molti, moltissimi identificano i fuoristrada - ed anche di GTI, denominazione 'inventata' da Maserati nel 1961 per il modello 3500 GTI (appunto Gran Turismo Iniezione) ma poi diffusa a livello mondiale nel 1976 da Volkswagen con il lancio della prima Golf GTI. In 42 anni queste tre semplici lettere sono diventate un vero brand, che la Casa di Wolfsburg ha saputo sfruttare per promuovere non solo le varianti più prestazioni della gamma Golf, Polo e di altri modelli, ma anche per identificare le auto da competizione e il mondo stesso delle 'alte prestazioni' democraticamente alla portata di molti.

Più che giustificata, dunque, la grande festa GTI Coming Home Wolfsburg 2018 che Volkswagen ha organizzato nel week end nella 'capitale' stessa dell'automobile tedesca, quella città della Sassonia dove nel 1937 è nato il marchio Vw e dove oggi lavorano oltre 73mila persone. Più di 16mila fan delle GTI sono stati ospitati nel parco che circonda lo stadio di Wolfsburg, in un'atmosfera assolutamente 'green' nonostante il rombo delle 4mila vetture di tutte le gamme GTI che sono arrivate in Sassonia da ogni parte d'Europa. A fare gli onori di casa Ralf Brandstaetter, chief operating officer del brand Vw, Klaus Mohr sindaco di Wolfsburg e Roland Clemente, AD di Autostadt GmbH, il grande museo dedicato alla storia dell'automobile e che è una delle maggiori attrazioni della città.

Alla festa GTI Coming Home Wolfsburg 2018, Volkswagen Classic ha mostrato non solo tutte le sette generazioni GTI, ma anche quella - davvero speciale - che nel 1987 partecipò alla Pikes Peak, sfruttando due motori funzionanti in modo indipendente per una potenza complessiva di 652 Cv. Grande entusiasmo, e migliaia di selfie, anche per la Golf GTI TCR Concept che era stata mostrata per la prima volta in maggio al raduno del Woerthersee e che prefigura il modello di serie da 290 Cv, in arrivo nei prossimi mesi. La Golf 'TCR' - versione stradale del modello da 350 Cv che partecipa al Campionato TCR - è un tributo a tutti gli appassionati della GTI e rappresenta il nuovo top di gamma della serie. Oltre che per il look da gara, con un nuovo design dei paraurti (anteriore con splitter e posteriore con diffusore) la Golf GTI TCR si distingue per gli equipaggiamenti di serie all'insegna della sportività, come il volante con tacca rossa a 'ore 12', gli specifici sedili anatomici avvolgenti e i cerchi forgiati da 18 pollici. Il 4 cilindri TSI della GTI TCR1 sviluppa 290 Cv con una coppia massima di 370 Nm. La potenza viene trasferita alle ruote anteriori tramite un cambio DSG e un differenziale anteriore multifrizione a gestione elettronica. Anche l'impianto frenante è all'altezza visto che la Golf GTI TCR raggiunge una velocità massima di 264 km/h. E questa versione può garantire un sound ancor più vigoroso dato che è disponibile, a richiesta, un impianto di scarico Akrapovic in titanio. (ANSA)

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X