Giovedì, 20 Settembre 2018
IL CASO

Bimbo di due anni muore su un volo Alitalia diretto a Roma, atterraggio d'emergenza a Bari

A Roma sarebbe stato sottoposto ad un doppio intervento di fegato e rene, ma all'ospedale Bambino Gesù il piccolo libanese di 2 anni non è mai arrivato. È morto nel volo che da Beirut lo stava portando in Italia per curarsi.

Dopo la crisi cardiaca a bordo, dove il bambino viaggiava accompagnato dai genitori, si è reso necessario un atterraggio di emergenza a Bari. Qui, una volta sbarcato, il personale del 118 ha tentato di rianimarlo ma il piccolo era già deceduto.

Soffriva di iperossaluria primitiva, forma severa di una malattia metabolica rara nota come ossalosi e caratterizzata dall'accumulo, in vari organi e tessuti, di ossalato di calcio che causa insufficienza renale e alterazioni delle ossa. Anche per i medici legali intervenuti su richiesta della Procura di Bari, le circostanze della morte sembrano evidenti, legate cioè alla grave patologia da cui il bambino era affetto. Il magistrato di turno ha avviato comunque gli accertamenti del caso, delegati alla Polizia di frontiera aeroportuale, e deciderà nelle prossime ore se aprire un'indagine e disporre l'autopsia.
L'emergenza sanitaria a bordo è stata segnalata alle 6.33 e l'aereo, un velivolo Alitalia diretto a Roma, è atterrato a Bari alle 6.47. A bordo, dopo aver fatto scendere equipaggio e passeggeri, sono state fatte fotografie, sentiti come persone informate sui fatti tutti coloro che hanno assistito ai fatti, in volo e durante i primi soccorsi, ed è stata acquisita la documentazione sanitaria.

A bordo del velivolo, ripartito da Bari diverse ore dopo l'atterraggio di emergenza, c'era una infermiera: accompagnava e assisteva il piccolo che viaggiava con una mascherina per l'ossigeno. "Purtroppo - hanno detto i medici del Bambino Gesù - il bimbo non è riuscito a raggiungere il nostro ospedale, dove sarebbe stato sottoposto a valutazione per l'inserimento nella lista d'attesa per i trapianti. Siamo molto dispiaciuti da questo triste epilogo, ma non possiamo dimenticare che si tratta di malattie complesse che possono presentare, come in questo caso, quadri molto severi e, talvolta complicarsi con eventi drammatici come questi".

Sulla vicenda è intervenuto il presidente del Sis 118, Mario Balzanelli, che dopo il decesso del bambino libanese ha rinnovato la richiesta ai ministri dei Trasporti e della Sanità "di varare con la massima urgenza un decreto che assicuri una Mobilità Cardioprotetta con obbligo di defibrillatore semiautomatico a bordo di tutti i mezzi di trasporto pubblici".

La compagnia aerea ha chiarito che la normativa internazionale prevede la presenza del defibrillatore a bordo dei voli intercontinentali verso gli Usa. Alitalia, però, ha dotato di defibrillatore tutti i voli a lungo raggio, mentre per le tratte brevi o medie è previsto che, in caso di emergenze mediche, il velivolo possa atterrare nell'aeroporto più vicino, come è avvenuto oggi con un atterraggio di emergenza a Bari.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X