Lunedì, 19 Novembre 2018

L'antico orso delle caverne vive ancora nell'orso bruno

Una piccola parte del Dna dell'antico orso delle caverne, estinto, si è conservata nell'orso bruno di oggi. Lo rivela una ricerca di biologi e biochimici tedeschi guidati da Alex Barlow, dell'Università di Potdsdam, cui ha partecipato Giorgio Bertorelle, professore di Genetica all'Università di Ferrara. Lo studio è pubblicato online sulla rivista Nature Ecology & Evolution.

Utilizzando le moderne tecniche di sequenziamento del Dna antico, i ricercatori hanno ottenuto i genomi di quattro orsi delle caverne, datati tra i 25.000 e i 70.000 anni, e li hanno confrontati con quelli di orsi bruni moderni. La conclusione è stata che circa il 2% del genoma dell'orso bruno discende da un'ibridazione avvenuta decine di migliaia di anni fa con l'orso delle caverne, due specie diverse che coesistevano in Europa.

"Questi studi - spiega Bertorelle - sono simili a quelli che s tanno indagando l'ibridazione avvenuta in passato tra uomo moderno e forme arcaiche estinte come Neanderthal e Denisova. Si sa per esempio che nei genomi di alcune popolazioni di Homo sapiens è possibile ritrovare alcuni frammenti di Dna 'introgressi', cioè incorporati, durante antiche ibridazioni".

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X