Martedì, 23 Ottobre 2018

L'uomo diventa vulnerabile davanti ai robot

Gli esseri umani sono emotivamente più vulnerabili del previsto davanti ai robot: lo dimostra l'esperimento nel quale un gruppo di volontari che avrebbe dovuto spegnere un robot si è rifiutato di farlo quando la macchina ha chiesto loro di non farlo. Pubblicato sulla rivista Plos One, l'esperimento si deve ai ricercatori dell'università tedesca di Duisburg-Essen, guidati da Aike Horstmann.

"Lo studio esplora la sfera delle relazioni tra uomo e robot, quando per la qualità dell'interazione sociale che noi stabiliamo con il robot, tendiamo ad attribuire a un essere artificiale le caratteristiche di un essere vivente. Per cui quando il robot esprime un'obiezione ad essere spento, noi siamo condizionati nel nostro giudizio e inclini ad assecondare la sua volontà" ha detto all'ANSA Antonio Frisoli, del laboratorio di robotica percettiva della Scuola Superiore Sant'Anna di Pisa.


Il robot Nao (fonte: Stephen Chin)

L'esperimento ha coinvolto in tutto 89 volontari, che dovevano interagire con un robot umanoide Nao. Alla conclusione del test bisognava spegnere il robot e a quel punto il robot chiedeva di non farlo. Metà dei volontari fungeva da gruppo di controllo, cioè non riceveva dall'androide la 'supplica' di non spegnerlo,  mentre 43 volontari si sono confrontati con la decisione di aderire alla richiesta del robot. In questo secondo gruppo, 13 ersone hanno scelto di soddisfare il desiderio del robot, gli altri hanno invece deciso di spegnerlo, ma hanno comunque impiegato più tempo rispetto al gruppo di controllo.

Questo perché, secondo Frisoli, le persone tendono a concepire "come entità viventi" i robot che abbiano un aspetto simile a quello umano "e, pur essendo consapevoli che non sono esseri viventi, sono influenzate nelle loro decisioni. Questo indica che le persone trattano i robot diversamente a seconda di come essi stessi si comportano". Studi come questo, ha concluso "rivelano i meccanismi comportamentali di base adottati nella relazione uomo-robot e ci consentono di proiettare quale potrebbe essere l'interazione tra uomo e androidi, e anche tra agenti digitali, quando le nostre giornate saranno popolate anche da assistenti robotici".

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X