Martedì, 11 Dicembre 2018

Rinuncia all'allattamento, Chiara Ferragni si difende dalle critiche: "Non ci si annulla per un figlio"

«Fino a qualche anno fa dicevo sempre 'figli sì, matrimonio no'. Ma in America ho conosciuto giovani coppie sposate. E ho visto il lato romantico, il matrimonio come messaggio d’amore completo. Non sai se durerà per sempre ma dirselo in quel momento è una scelta forte».

A un mese dalle nozze con Fedez - il 1° settembre a Noto, in Sicilia - Chiara Ferragni spiega in esclusiva a Vanity Fair, che le dedica la copertina del numero in edicola, i motivi della sua decisione. E coglie l’occasione per rispondere ad alcune delle polemiche che la bersagliano da quando «alle prime sfilate c'erano giornaliste che mi dicevano in faccia: 'Questa non dura tre mesi'. Adesso sono le prime a mettersi in coda per un selfie».

Le critiche per aver messo in piazza, su Instagram, la sua vita: la gravidanza, la nascita 4 mesi fa di Leone, ora il matrimonio.

«Da Instagram - dice nell’intervista - parlo con 13 milioni di persone, senza filtri. È un potere pazzesco. Perché non usarlo? Io metto tutto quello che fa parte della mia vita, le cose che mi danno felicità e che penso possano ispirare gli altri. Non credo che non abbia riflettuto sull'opportunità di postare immagini di Leo. Ma io e Fede siamo cresciuti sui social, sarebbe stato strano e poco coerente non condividere la nostra vita da genitori. Anche il matrimonio sarà super social, vogliamo che gli ospiti si sentano liberi di postare ciò che vogliono. Per questo non ho accettato nessuna proposta di esclusiva».

Gli attacchi subiti per aver smesso di allattare Leone. "Un tema su cui tutti hanno un’opinione e si sentono maestri. Chiarisco una volta per tutte: io avrei voluto allattare il più lungo possibile, ma, già dopo due settimane, su consiglio del medico, ho dovuto inserire il latte artificiale. Sapendo che avrei dovuto tornare presto a lavorare, in capo a due mesi ho rinunciato del tutto all’allattamento naturale. L’idea di maternità che ho io è che non ci si deve annullare per un figlio. Detto questo, io ho anche molti aiuti e sono il boss di me stessa, posso decidere quando e come organizzarmi, non per tutte è così. Ognuna faccia quello che desidera e che può. Ma se vogliono buttarmi addosso una colpa morale, io non ci sto».

La data più importante della sua vita? «Il 2009, con la nascita del blog The Blonde Salad». Il suo sogno: «Quest’anno, a settembre, comincio a girare un documentario su di me, la mia storia. È un modo per celebrare questo decennale di attività. Il sogno? Portare il film al festival di Venezia del 2019». Infine L'idea di entrare in politica: «Non è cosa per me. Alle ultime elezioni non ho votato, in passato sì. Ma, ripeto, la politica non mi interessa».

© Riproduzione riservata

PERSONE:

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X