Sabato, 18 Agosto 2018
IL CASO

Scandalo centri migranti Usa, centinaia di bimbi abusati

Sicilia, Mondo
FOTO ARCHIVIO

E' scandalo sui centri di raccolta dei migranti negli Stati Uniti. Almeno 125 denunce sono state presentate per abusi nei confronti di bimbi ospiti nelle strutture dal 2014 al 2018. E queste non includono le altre 200 chiamate a cui la polizia ha risposto da centri che si prendono cura anche di giovani a rischio che risiedono negli Stati Uniti.

A lanciare l'allarme sulle condizioni dei centri, già finiti nel mirino nelle settimane scorse, è un'indagine di ProPubblica. Secondi gli esperti però i numeri non fotografano esattamente la realtà: i casi di molestie sono infatti probabilmente molti di più ma i ragazzi non denunciano gli abusi subiti nel timore di mandare all'aria o creare inutili intoppi ai loro procedimenti legali per l'immigrazione. "Per i predatori" queste strutture "sono una miniera d'oro.

Si ha il completo accesso a bambini che hanno già alle loro spalle una lunga storia di abusi", spiega Lisa Fortuna, direttore del centro di psichiatria per bambini e adolescenti del Boston Medical Center. Le autorità americane respingono però seccamente le accuse. "La nostra attenzione è sempre sulla sicurezza e sul miglior interesse dei bambini. Questi sono bambini vulnerabili in situazioni difficili, e noi trattiamo ognuno di loro con responsabilità", afferma il Dipartimento per i servizi sanitari americani, responsabile dei centri di raccolta di migranti.

Ma questo non basta a placare le polemiche, soprattutto mentre ancora più di 700 bimbi migranti restano senza i loro genitori. Anche se più di mille famiglie sono state riunite, molti ragazzi restano nei centri e soprattutto senza genitori, che potrebbero non rivedere mai più: molti infatti sono già stati rimpatriati, altri hanno abbandonato per scelta i loro figli negli Stati Uniti per concedere loro una chance.

Il fenomeno degli abusi denunciati da ProPubblica è diffuso nei centri sparsi negli Stati Uniti e questa volta non è imputabile all'amministrazione Trump. I dati raccolti includono infatti anche un periodo della presidenza Obama, anche se la politica della 'tolleranza zero' del tycoon ha messo i centri di raccolta sotto pressione e aumentato la portata del fenomeno. In aumento anche i ragazzi in fuga dai centri: molte strutture denunciano uno o più ragazzi che di nascosto si allontanano per non farne più rientro.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X