Giovedì, 19 Luglio 2018

A settembre nuovo Kia Sportage ora anche diesel mild-hybrid

ROMA - Sportage, il suv di Kia che è in testa alle vendite europee del brand sudcoreano ed è uno dei leader del segmento, si rinnova per piacere ancora di più e soprattutto per anticipare le nuove norme sulle emissioni, portando sul mercato l'inedita combinazione EcoDynamics con mild hybrid 48 Volt accoppiato al propulsore diesel. Questa soluzione high tech non solo rafforza la superiorità dell'alimentazione a gasolio sul fronte delle emissioni e dei costi di gestione, ma mette al riparo da possibili 'colpi di testa' delle autorità locali in quanto Sportage EcoDynamics è a tutti gli effetti un'auto ibrida. Il nuovo propulsore diesel ibrido leggero unito al sistema a 48 Volt della nuova vettura è il primo ad essere lanciato come parte della strategia di elettrificazione globale e Kia diventa il primo produttore a offrire tutte le soluzioni tecnologiche - spaziando da ibrida, ibrida plug-in, 100% elettrica e mild hybrid 48 Volt anche con motore diesel - nella gamma dei propri modelli. Al riguardo via ricordato che Kia lancerà 16 veicoli con powertrain avanzati entro il 2025, compresi cinque nuovi ibridi, cinque ibridi plug-in, cinque veicoli 100% elettrici a batteria e, nel 2020, un nuovo EV a celle combustibili.

Con la motorizzazione EcoDynamics, che eroga 182 Cv con ben 400 Nm di coppia ed è completata dal sistema di trattamento dei gas di scarico SCR, Sportage riduce le emissioni nei test WLTP fino al 4% e fino a 7% secondo la normativa New European Driving Cycle (NEDC). Il sistema a 48 Volt comprende una compatta batteria da 0,44 kWh e un motore elettrico che ha anche funzione di generatore e motorino di avviamento (MHSG) collegato mediante una cinghia al motore diesel. La centralina ECU di ultima generazione gestisce tutte le funzioni per ottenere la massima efficienza, ricaricando la batteria in discesa, nei rallentamenti o in frenata oppure fornendo una spinta supplementare quando necessario. Una delle funzioni più interessanti è quella definita Moving Stop & Start, che aumenta i periodi in cui il diesel viene spento (se la batteria ha carica sufficiente) anche se l'auto si muove. Ma non basta: con Sportage 2018 debutta anche il motore diesel Kia 'più pulito di sempre': è il moderno 4 cilindri 1.6 U3 che va a sostituire nei modelli CRDi il precedente 1.7.

Proposto nelle due tarature da 115 e 136 Cv, questo propulsore - anch'esso dotato di SCR - ferma le emissioni di CO2 rispettivamente a 126 e 123 g/km e aggiunge, solo per la variante 136 Cv, la grande novità della trazione integrale in accoppiamento ad un motore a gasolio (prima lo Sportage AWD era solo benzina). Restando in quest'ultimo ambito la gamma 2018 sarà completata con i due motori, il T-GDi 1.6 turbo da 177 Cv e l'aspirato GDi da 132 Cv, entrambi dotati di filtro antiparticolato e già omologati, come tutti gli altri propulsori, Euro 6d Temp.

Interessanti anche gli aggiornamenti del design, a cui hanno lavorato i tre studi di Kia a Francoforte in Germania, a Namyang in Corea e a Irvine in California. Spicca la nuova forma degli scudi paraurti, con alloggiamenti per i fari supplementari ridisegnati e un diverso trattamento per le prese d'aria.

Inedita anche la mascherina che a seconda degli allestimenti può essere in nero opaco o nero lucido. Debuttano anche gruppi ottici full-Led riprospettati, con luci diurne (egualmente full-Led) a quattro matrici. A richiesta Sportage può essere completato con uno scivolo metallico nella parte inferiore dello scudo. In coda cambia il disegno delle luci, che esaltano la larghezza della carrozzeria, mentre nella vista laterale spiccano la presenza di un 'segno' cromato nella parte bassa e i nuovi cerchi che possono arrivare a 19 pollici. Rivisto anche l'abitacolo, con un nuovo volante, modifiche alla strumentazione e una ottimizzazione dei comandi centrali per il clima.

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X