Mercoledì, 14 Novembre 2018

Audi completa la verifica dei motori diesel V6 TDI di 3/a generazione

Motori
I documenti consegnati all'ente KBA da Audi evidenziano la regolarità dei motori V6 TDI di terza generazione
© ANSA

ROMA - Nessuna irregolarità nella nuova famiglia dei motori Audi V6 TDI di terza generazione: lo sottolinea un comunicato ufficiale della Casa dei Quattro Anelli, che specifica come, alla conclusione delle analisi tecniche interne dell'intera gamma dei motori V6 TDI, l'azienda abbia trasmesso oggi i risultati alla KBA, l'Autorità federale tedesca per il trasporto automobilistico. I dettagli saranno discussi nelle prossime settimane. ''Le indagini sono state più complesse del previsto'' ha detto Bernd Martens Audi responsabile degli acquisti di Audi che è a capo della task force interna a cui è stato affidato il compito di affrontare la crisi del diesel.''Per ogni singolo motore diesel - ha spiegato Martens - abbiamo dovuto approfondire i codici del software e poter così esaminare anche le aree periferiche della mappatura.

Per condurre questa analisi in modo esauriente, i nostri colleghi dello sviluppo dei motori hanno raccolto oltre 750.000 pagine di documentazione''. Più recentemente l'attenzione si è concentrata sugli attuali modelli Audi full-size con motori V6 TDI di terza generazione - A8, A7 Sportback, A6 e A6 Avant, il nuovo suv Q8 - e non sono risultate evidenze. ''Il centro della nostra attenzione è senza dubbio sui clienti Audi - ha sottolineato Abraham Schot, CEO ad interim e membro del board di Audi AG con responsabilità per le vendite e il marketing - Abbiamo compiuto notevoli progressi nell'indagine tecnica. Ora che il vasto lavoro dettagliato è stato fatto, i risultati sono sul tavolo. Questa era la nostra ambizione, perché avevamo destabilizzato e deluso molti dei nostri clienti durante la crisi del diesel''.

Le ricerche ad ampio raggio hanno riguardato tutti i motori V6 e V8 TDI che Audi utilizza nei modelli di fascia media e full-size, l'equivalente di circa sei milioni di automobili rispetto agli standard Euro 5 ed Euro 6 costruiti dal 2008 e consegnati ai clienti in Europa e in altri mercati (ad eccezione degli Stati Uniti e del Canada). Gli esperti avevano già esaminato lo stato di tutti i propulsori 'evo' di seconda generazione e di terza generazione che sono stati messi in circolazione a partire dalla metà del 2014 come apparirà solo dall'introduzione del nuovo standard di emissione WLTP (World Harmonized Light Vehicles) dal prossimo 1 settembre 2018.

Finora, la KBA aveva chiamato in causa Audi con sette avvisi per gli aggiornamenti software obbligatori in relazione alla crisi del diesel. Questi si applicano a un totale di circa 240.000 veicoli in tutto il mondo. Come concordato al vertice su questo tema che si è tenuto nell'agosto 2017, Audi offre un aggiornamento software volontario per 370.000 veicoli con motori V TDI in Germania per migliorare le emissioni in condizioni reali di traffico su strada. Il programma di retrofit è sempre gratuito per i clienti Audi e non avrà alcun effetto negativo sul consumo di carburante, sulle emissioni di CO2, sulla potenza del motore, sulla coppia massima o sulle emissioni acustiche, né sulla durata del motore e del sistema di post-trattamento dei gas di scarico.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X