Martedì, 25 Settembre 2018

Il corpo umano si fonde con l'hitech, è l'era bioartificiale

Organi umani coltivati su chip, trapianti di pelle e cornee ingegnerizzate, protesi robotiche comandate col pensiero: è già cominciata l'era bioartificiale, dove il corpo umano si fonde sempre più con l'hitech per aprire le porte alla medicina rigenerativa personalizzata.

Un fronte d'avanguardia per la bioingegneria, insieme ai robot per la chirurgia e alle nanotecnologie per la diagnostica e la terapia, come spiegano gli esperti riuniti al Politecnico di Milano fino al 27 giugno per il sesto Congresso Nazionale di Bioingegneria (Gnb 2018). L'evento è organizzato dall'ateneo con il Gruppo Nazionale di Bioingegneria e l'Istituto di Elettronica e Ingegneria dell'informazione e delle Telecomunicazioni del Cnr, in collaborazione con la Fondazione Politecnico di Milano.

"In questo momento la medicina e le tecnologie applicate alla salute stanno vivendo un'importante transizione dall'artificiale al biologico", spiega Manuela Raimondi, professore ordinario di bioingegneria al Politecnico di Milano. "Il confine tra questi due mondi - prosegue l'esperta - è sempre più labile: lo dimostra lo sviluppo di nuove terapie innovative, come l'impianto di cornee o lembi di pelle coltivati su supporti artificiali biodegradabili e riassorbibili, già diventati realtà per le vittime di ustioni".

 

Secondo Roberto Cingolani, direttore dell'Istituto Italiano di Tecnologia e ideatore dello Human Technopole, a cambiare il mondo della salute "saranno anche i Big Data, che aiuteranno lo sviluppo di nuove tecniche di previsione delle malattie, e poi gli organi artificiali, la robotica per la chirurgia a distanza, la riabilitazione e le protesi, e infine i sensori per la diagnostica, indossabili e addirittura commestibili". "In futuro la tecnologia sarà dentro di noi", aggiunge Maria Chiara Carrozza, presidente del Gruppo Nazionale di Bioingegneria. In questa rivoluzione l'Italia è in prima fila "per quanto riguarda la ricerca di base, quella traslazionale che porta i risultati al letto del paziente e il numero di brevetti e nuove start-up", sottolinea Raimondi, che aggiunge: "il settore è estremamente vitale, ma mancano finanziamenti governativi adeguati che permettano ai giovani ricercatori di essere competitivi sulla scena internazionale". Oggi in Italia "abbiamo più di 3.500 iscritti alle lauree magistrali di ingegneria biomedica e circa mille laureati all'anno", ricorda Carrozza. "Rispetto al numero di studenti abbiamo ancora pochi professori che possano aiutarci a costruire una comunità, non solo per la formazione dei bioingegneri, ma anche per favorire lo sviluppo di nuove startup e imprese".

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X