Lunedì, 15 Ottobre 2018

Gli uomini si ammalano di tumore più delle donne, 192 mila nuovi casi l'anno

Salute e Benessere
Ogni anno 36mila tumori prostata, esperti chiedono screening
© ANSA

 Dai tumori alla prostata a quelli al polmone o al testicolo, gli uomini si ammalano e muoiono più di cancro rispetto alle donne. Si stima che in Italia dei 369.000 nuovi casi di tumore maligno, il 52% venga diagnosticati in persone di sesso maschile, ovvero 192mila ogni anno. Nasce da qui la Prima Giornata Nazionale Prevenzione Uomo lanciata dalla Lilt (Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori) per il 14 giugno. Presentata a Roma nel corso del convegno "Prevenzione oncologica maschile: fra utopia e necessità non differibile", la campagna "Percorso Azzurro - Lily For Men" prevede controlli gratuiti, distribuzione di opuscoli per diffondere la cultura della prevenzione. Mentre stanotte i monumenti dei Comuni italiani aderenti all'iniziativa si illumineranno di azzurro.
    Nella popolazione maschile il tumore prevalente (escludendo i tumori della cute non melanomi) è il tumore della prostata che rappresenta il 19% di tutti quelli diagnosticati. A tale patologia seguono il tumore del polmone (15%), del colon-retto (13%), della vescica (11%) e dello stomaco (4%). L'incidenza però è influenzata anche dall'età. In persone sotto i 50 anni, il tumore più frequente è rappresentato dal cancro del testicolo (12%). Invece, nella fascia di età 50-69 anni i tumori più frequenti sono quelli della prostata (22%), del polmone (15%), del colon-retto (13%), della vescica (10%). "La prevenzione e la diagnosi precoce oggi guariscono oltre il 60% dei casi di cancro - spiega il professor Francesco Schittulli, presidente di LILT - Intensificando le campagne di sensibilizzazione potremmo arrivare ad una guaribilità superiore all'80%. Per questo LILT lancia una campagna informativa dedicata agli uomini, che molto spesso considerano queste tematiche un tabù e sottovalutano l'importanza della prevenzione". Per il Percorso Azzurro, 14 giugno sarà possibile effettuare visite di controllo nelle Sezioni Provinciali aderenti all'iniziativa, prenotando al numero verde della Lilt.

Ogni anno 36mila tumori prostata, esperti chiedono screening
Il tumore alla prostata è la neoplasia più diffusa nell'uomo e ogni anno in Italia si registrano circa 36mila nuovi casi, un numero "è raddoppiato negli ultimi dieci anni, mentre è diminuita di pari passo la mortalità. Ma ancora di più si potrebbe ridurre se venissero offerti screening gratuiti a tutti gli uomini dopo i 50 anni". È l'appello che arriva da Francesco Schittulli, presidente di Lilt (Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori) alla vigilia della Prima Giornata Nazionale Prevenzione Uomo che si terrà domani 14 giugno nell'ambito della campagna "Percorso Azzurro". Attualmente gli screening gratuiti di massa sulla popolazione offerti dal Sistema Sanitario sono disponibili solo per il cancro del colon, del seno e della cervice uterina. "Per quanto riguarda la prostata - sottolinea Schittulli - chiediamo siano introdotti, a partire dai 50 anni, screening con visita urologica, ecografia e la Psa (Antigene Specifica Prostatica). Quest'ultimo esame, da solo, può dare falsi positivi ma, unito agli altri, aiuta a individuare sul nascere il tumore". Quanto al tumore testicolare, una patologia rara che colpisce più i giovani, sottolinea Schittulli, "serve più educazione sanitaria nelle scuole, visto che non c'è il servizi di leva che prima aiutava a scoprirlo in anticipo". La terza neoplasia esclusiva del maschio è il carcinoma del pene, molto spesso associato ad un'infezione da Hpv. "Di recente - conclude Schittulli - è stata introdotta l'estensione della vaccinazione anti-Hpv nei maschi. Speriamo possa portare anche ad una riduzione dell'incidenza di questa neoplasia". Investire in prevenzione, sottolinea Massimo Casciello, direttore generale della Vigilanza sugli enti e della Sicurezza delle cure del Ministero della Salute, "non è solo necessario per la salute dei cittadini ma anche in termini di sostenibilità economica. Negli Usa è stato calcolato che, investendo per la prevenzione delle malattie vascolari un dollaro a persona ogni anno ha fatto risparmiare, dopo 20 anni, 7 volte tanto le cifre stanziate"
   

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X