Martedì, 17 Luglio 2018
PROCURA

Caso Montante, a Caltanissetta gli interrogatori degli arrestati

Sono cominciati  davanti al Gip di Caltanissetta Maria Carmela Giannazzo gli interrogatori di garanzia delle sei persone arrestate ieri nell’ambito dell’inchiesta della Procura che ruota attorno all’ex presidente di Sicindustria Antonello Montante, accusato di avere messo in piedi una rete di spionaggio formata da uomini dei servizi segreti e delle forze di polizia ed esponenti politici per ottenere e scambiare informazioni riservate.

Il primo ad essere ascoltato è stato Diego Di Simone, ex sostituto commissario della squadra mobile di Palermo, attuale responsabile della Security di Confindustria nazionale, che si è avvalso della facoltà di non rispondere. Secondo l’accusa Di Simone avrebbe attinto informazioni riservate grazie alle sue conoscenze tra i vertici delle forze dell’ordine.

Previsto anche l’interrogatorio dello stesso Montante, accompagnato dai suoi legali Giuseppe Panepinto e Nino Caleca, che ieri avevano definito «un elemento importante» il fatto che i Pm abbiano ritenute insufficienti le rivelazioni di alcuni pentiti circa una presunta vicinanza dell’esponente di Confindustria con esponenti della mafia nissena, accantonando quindi l’accusa di concorso in associazione mafiosa. «Il resto lo chiariremo», dicono gli avvocati.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X