Sabato, 22 Settembre 2018

La voce dei mini-satelliti diretti a Marte

Scienza e Tecnica
Raffigurazione artistica dei satelliti gemelli Marco nello spazio (Fonte: NASA/JPL-Caltech)
© ANSA

I primi due mini-satelliti della Nasa per lo spazio profondo chiamati Marco, lanciati il 5 maggio 2018 insieme alla missione InSight diretta su Marte, hanno inviato il loro primo segnale alla Terra: "Polo!".

I messaggi, arrivati alle 21,15 e alle 22,58 italiane del 5 maggio, indicano che i due satelliti gemelli Marco A e Marco B hanno aperto i loro pannelli solari subito dopo il lancio e sono perfettamente funzionanti: dopo alcuni controlli saranno pronti a seguire InSight nel suo viaggio verso Marte, testando la loro tecnologia miniaturizzata lungo la strada.

Il nome Marco sta per Mars Cube One: si tratta di due satelliti delle dimensioni di una valigetta che forniranno una sorta di "scatola nera" per la missione InSight. Se tutto andrà come previsto e sopravivranno alle radiazioni dello spazio profondo, i satelliti seguiranno l'arrivo della sonda sul pianeta rosso, previsto per il 26 novembre 2018 e ne controlleranno i segnali durante i famosi "sette minuti di terrore": la fase cruciale in cui le sonde entrano nell'atmosfera marziana e si trovano completamente sole, senza possibilità di intervento da parte della base a Terra.

"Siamo nervosi ma eccitati", commenta Joel Krajewski del Jet Propulsion Laboratory di Pasadena, a capo del progetto. "Realizzare e testare i componenti in modo che sopravvivano al viaggio su Marte ha richiesto un sacco di lavoro. Ma il nostro obiettivo più ampio - aggiunge - è di imparare qualcosa di più sulle tecnologie necessarie alle future missioni nello spazio profondo".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X